• BitMat
  • CBR
  • Linea EDP
  • ITIS
  • Top Trade

Veeam Software misura la virtualizzazione

Veeam

di Redazione LineaEDP

Lanciato V-index, una risorsa gratuita per rilevare il tasso di penetrazione della virtualizzazione nei server delle grandi aziende. Il tasso di penetrazione è al 39,4%

Veeam Software, fornitore di soluzioni per la protezione dei dati, il disaster recovery e la gestione di ambienti e datacentre virtualizzati con VMware, ha lanciato V-index, una risorsa gratuita per rilevare il tasso di penetrazione della virtualizzazione nei server delle grandi aziende.

Disponibile sul sito www.V-index.com, che Veeam prevede di far evolvere in un community portal, V-index ha come obiettivo fornire informazioni aggiornate sul tasso di penetrazione della virtualizzazione all’interno delle aziende, sul grado di consolidamento e sull’uso di differenti hypervisor e dei possibili ostacoli al loro utilizzo.

Dai primi risultativi V-index relativi al Q2 del 2011 emerge che l’attuale tasso di penetrazione di V-index è pari al 39,4%. Ciò significa che il 39,4% dei server presenti nelle aziende analizzate sono virtuali.
Il numero medio dei server fisici in azienda è 664;
il 91,9% di tutte le azienda sta utilizzando la virtualizzazione a livelli diversi;
ogni azienda intervistata possiede in media 470 macchine virtuali e 113 host fisici;
la media percepita del rapporto di consolidamento tra macchine virtuali e host fisici è di 9.8:1, cio’ significa che le aziende sono certe che in media i propri host fisici siano in grado di ospitare 9.8 macchine virtuali;
calcolando il rapporto tra macchine virtuali e host fisici per ogni singola impresa, il reale rapporto di consolidamento medio arriva a 6.3:1;
delle aziende che usano la virtualizzazione, l’84% utilizza VMware, il 61% Microsoft Hyper-V, il 55,4% Citrix Xen e il 12% altri hypervisor;
il 58% delle aziende utilizza VMware come principale hypervisor, il 20,2% Citrix Xen, il 18,6% Microsoft Hyper-V e il 3% altri hypervisor;
le aziende hanno identificato inoltre un insieme di ostacoli all’incremento dell’utilizzo della virtualizzazione:
il 38,8% per problemi di affidabilità;
il 37% per la necessità di effettuare il refresh dell’hardware prima dell’avvio;
il 32,4% per le performance delle applicazioni;
il 32,4% per il backup e il ripristino;
il 30,8% per la gestione della struttura virtuale;
l’81,4% delle aziende che utilizzano la virtualizzazione hanno in programma di incrementare il livello di virtualizzazione del server nei prossimi 12 mesi.

© Riproduzione Riservata

I commenti per questo articolo non sono disponibili

I miei articoli

Seguici       •             |      Registrati