• BitMat
  • CBR
  • Linea EDP
  • ITIS
  • Top Trade

Mario Derba: semplificare l’It, un’impresa possibile

mario-derba

di Redazione LineaEDP

Il country manager della Divisione Software & Solutions di Hp Italia spiega come si può vincere la sifda della semplificazione


La strada della semplificazione è una direzione irrinunciabile. Fenomeni quali la consumerizzazione dell’It o l’avvento del cloud hanno imposto ai Cio dei tagli nei loro budget, cosa del tutto deleteria se non affiancata dalla semplificazione dell’It e dall’introduzione di tecnologie in grado di “schermare” la complessità.

Questa è la strada verso la quale Hp si sta indirizzando con prodotti come l’It Performance Suite, capace di creare modelli in grado di raccordare i tool e i dati funzionali in modo da poter dare a ogni figura professionale le informazioni di cui ha bisogno per il suo lavoro. Per questo serve indirizzare l’intera catena del valore It, dalla strategia allo sviluppo applicativo fino alle prestazioni finali, tenendo conto dell’esigenza di operare in ambiti multivendor e fornire, con un click, le informazioni rilevanti. Per riuscirci occorre elaborare indicatori di ogni tipo, come il numero di modifiche alle applicazioni oppure quello dei blocchi subiti dai sistemi e dai programmi più o meno rilevanti per il business.

In totale abbiamo identificato 150 indicatori e li abbiamo combinati tra loro in una cinquantina di modelli precostituiti; dalla correlazione si possono comprendere le conseguenze di un evento e fare le scelte più giuste.

Tutto questo si rivela fondamentale per semplificare e standardizzare l’It oltre che per muovere verso il cloud, un paradigma che diventa importante nei settori in cui le informazioni hanno ruolo chiave, come nel mondo finance, oppure dove si impone il time-to-market come nelle telco, nel settore energetico, nel retail e altri ancora.

Resta al palo la sfida del settore pubblico in cui in Italia sussistono difficoltà strutturali, legate al mondo delle gare d’appalto che tendono ad appiattire le visioni architetturali in funzione di mere logiche di prezzo.

Un’infrastruttura più automatizzata permette al Cio di non dover più correre dietro alle riduzioni di costo. Consente di avere delle dashboard per il monitoraggio end-to-end dell’It e di rendere evidente l’impatto sul fatturato dei cambi dei programma, risolvendo l’annoso problema di riuscire a dialogare in modo efficace con il business.

Il ruolo del Cio è sempre più vicino a quello di broker dei servizi e meno a quello di produttore materiale. Questo oggi vale nelle medie e grandi aziende, laddove per le piccole è tracciata la strada naturale del public cloud. Utilizzando competenze settoriali e kpi specifici è possibile creare delle “enterprise scorecard” che consentono al Cio di giustificare gli investimenti e guidarli in modo efficace, come anche di riuscire a diventare un interlocutore a tutto tondo del management aziendale.

Serve essere proattivi, semplificare l’It sulla base delle best practice, senza quindi mai abdicare al proprio ruolo di innovatori.

Mario Derba, country manager della Divisione Software & Solutions di Hp Italia
 

© Riproduzione Riservata

I commenti per questo articolo non sono disponibili

I miei articoli

Seguici       •             |      Registrati