• BitMat
  • CBR
  • Linea EDP
  • ITIS
  • Top Trade

Gartner: la sicurezza per i software cresciuta del 7,5% nel 2011

secure

di Redazione LineaEDP

Il mercato per la sicurezza dei software cresce ancora. Lo conferma l'analisi che verrà discussa in occasione del “Gartner Security & Risk Management Summits 2012” nel Maryland, a Sydney e, il 19 e 20 settembre, a Londra



Il mercato mondiale della sicurezza software ha raggiunto 17,7 miliardi di dollari di profitto nel 2011, con un incremento del 7,5% rispetto ai 16,4 miliardi del 2010. Lo attesta l’analisi di Gartner che ha individuato che fra le aziende medio-piccole, advanced persistent threats (APT) e compliance sono quelle che tirano il mercato.

 

Commenta questo bilancio Ruggero Contu, Capo ricercatore Gartner: “La crescita di questo mercato riflette la continua domanda per utenti finali e delle aziende di tool per la propria sicurezza software. Rispetto ai mercati emergenti, l’Europa occidentale rimane quella più indietro a causa dell’incertezza economica che contraddistingue la regione“.

 

Dai risultati si evidenzia che il mercato di software per la sicurezza continua a mostrare una certa resistenza ad esplodere. Ciò sarebbe dovuto a diversi fattori, tra le strategie di mercato, una nuova offerta di prodotti e le acquisizioni, come dimostrano le tendenze delle diverse aziende fornitrici. Ma il concetto chiave stanno dalla parte della domanda, che ha delle restrizioni per via del budget delle aziende sempre più esiguo, almeno nella regione europea.

 

Partendo da Intel, l’acquisizione di McAfee sembra aver ingolfato il settore che non ha potuto raggiungere una crescita a doppia cifra. Intanto Symantec conserva la sua posizione di leader di mercato, sia consumer sia enterprise, registrando una crescita del 17%, e raggiungendo i 3.7 miliardi di dollari nel 2011. In questo modo Symantec ha continuato ad espandere la propria offerta oltre i canali tradizionali, facendo leva sulla competenza e apertura all’innovazione nello storage e data backup e ponendo un nuovo focus sulla sicurezza dei dati.

 

Tornando a McAfee, la sua forte presenza nel mercato è originata dall più ampia offerta di sicurezza avvenuta anche grazie all’acquisizione di Secure Computing a fine 2008. Con l’appoggio della propria casa madre Intel, McAfee si propone ora di accrescere le competenze di entrambe le aziende e di avere una maggiore integrazione fra hardware e sicurezza. McAfee DeepSAFE, un nuovo low-level security agent che gira su OS con i processori Intel Core I-series, è un esempio dell’innovazione che questa nuova e più strutturata entità desidera portare sul mercato.

 

Su Trend Micro, altra azienda leader all’interno del mercato sicurezza, si è registrata, durante tutto il 2011, una cresciuta del 11%, generando 1.2 miliardi di dollari di profitto. La crescita, al contrario dei propri competitor, è stata organica più che derivata da acquisizioni.

 

Conclude Contu: “I prodotti all’interno del mercato della sicurezza stanno avendo una rapida evoluzione, sia in termini di nuovi modi di fruizione, come la sicurezza as a service (SaaS) che ha avuto un incremento di popolarità, e nuove tecnologie sono lanciate anche da startup. I vendor più importanti – conclude il Capo ricercatore Gartner -, hanno continuato ad espandere il proprio portfolio prodotti nel 2011 attraverso acquisizioni mirate al fine di raggiungere i mercati emergenti. Fusioni e acquisizioni sono un fattore importante nel modellare il mercato durante i passati cinque anni“. E forse, aggiungiamo noi, anche per il prossimo futuro…
 

© Riproduzione Riservata

I commenti per questo articolo non sono disponibili

I miei articoli

Seguici       •             |      Registrati