CA Technologies: le aziende italiane non riescono a soddisfare i requisiti chiave per l’incremento di fatturato

99

Le imprese che non riescono ad adottare un approccio allo sviluppo di prodotti e servizi guidato dal business, ad affidarsi a risorse IT qualificate e collaborative, e ad attuare misure di controllo essenziali rischiano di perdere competitività nell’economia delle applicazioni






[section_title title=CA Technologies – Parte 1]

A frenare l’incremento dei ricavi delle aziende italiane sarebbe la sostanziale incapacità di soddisfare alcuni requisiti chiave per la crescita del business. E’ quanto emerge dallo studio internazionale “Assembling the DevOps Jigsaw”, promosso da CA Technologies e condotto dalla società di ricerca Freeform Dynamics.

“L’analisi rivela che le aziende italiane rischiano di lasciarsi sfuggire le opportunità che l’economia delle applicazioni oggi offre alle imprese a causa della mancanza di un approccio fluido e sperimentale allo sviluppo di nuovi prodotti e servizi – ha dichiarato Vittorio Carosone, Sales Director, CA Technologies La relazione con clienti, partner e fornitori avviene sempre più attraverso applicazioni, app e servizi online. Per poter offrire una customer experience innovativa, essere più agili e far crescere i ricavi, le aziende italiane devono acquisire la capacità di accelerare la creazione di valore e garantirne la continuità, guadagnando così un vantaggio competitivo e favorendo contemporaneamente una maggiore efficienza dell’IT”.

La ricerca, che a livello mondiale ha coinvolto 1.442 tra business manager e responsabili IT (tra i quali 506 in Europa), ha messo in luce la metodologia DevOps come mezzo per migliorare la competitività. L’implementazione di DevOps abbatte le tradizionali barriere esistenti tra i team dedicati allo sviluppo (Development) e quelli operativi (Operations), permettendo un’introduzione più rapida di nuove applicazioni e miglioramenti. Insieme al feedback continuo e all’ottimizzazione, questo approccio aiuta le organizzazioni a offrire una customer experience migliore e a ridurre il time-to-value; inoltre consente all’IT di dare un contributo più proattivo.

Lo studio evidenzia gli elementi essenziali per attuare con successo la metodologia DevOps, raggruppandoli in tre aree principali: un approccio guidato dal business, risorse IT qualificate e collaborative, l’adozione di controlli chiave. I risultati emersi dalle aziende italiane interpellate mostrano alcune notevoli lacune.
Ad esempio, l’81% degli intervistati riconosce l’importanza di garantire un’adeguata conoscenza delle priorità di business nell’ambito dell’IT, ma solo il 38% mette in atto questo principio. Circa l’81% considera importante disporre dell’infrastruttura e degli strumenti giusti, ma solo il 26% ha già raggiunto questo risultato. E mentre l’84% dei partecipanti al sondaggio ritiene fondamentale acquisire le competenze informatiche necessarie per mettere in pratica la metodologia DevOps, solo il 35% le ha già adottate.

Questo divario può essere in parte spiegato dalla mancanza di “armonia culturale” nell’organizzazione IT. Circa l’81% delle realtà aziendali italiane considera necessario abbattere le barriere culturali tra il team addetto allo sviluppo (Dev) e quello che si occupa della messa in produzione (Ops), ma solo il 18% ha realizzato questa trasformazione: superare le tradizionali linee di demarcazione, schemi mentali profondamente radicati e “guerre di territorio” che si trascinano da tempo richiede, infatti, tempo e pazienza.

Prosegui la lettura alla pagina seguente