• BitMat
  • CBR
  • Linea EDP
  • ITIS
  • Top Trade

CIO: i funzionari di innovazione

Il lavoro del CIO sta diventando sempre più difficile man mano che ci avviciniamo all’era della Terza Piattaforma. La pressione dovuta al mantenere costi accessibili, una struttura consistente e l’innovazione ha lasciato molti CIO impreparati, cercando di rimanere al passo integrando le ultime innovazioni, invece di guidarle. Un nuovo studio di IDC “The Changing Role of IT Leadership: CIO Perspectives for 2016” esamina i CIO e la loro line of business (LOB), le percezioni esecutive dell’IT, il cambio di ruolo del leadership IT, il passaggio da funzionario operativo a partner strategico, e di come investire la dirigenza di IDC nella struttura 3D per prosperare nella digital transformation.

Secondo il sondaggio di IDC, più del 40% dei LOB Executives vedono il CIO come funzionario dell’innovazione responsabile di guidare la digital transformation

Secondo il nuovo studio, basato sui risultati del IDC’s 2015 CIO Sentiment Survey and LOB Sentiment Survey, il modo in cui I CIO vedono sé stessi influisce in maniera diretta sul loro lavoro e sulla loro relazione con i LOB executives. Dei 150 CIO intervistati, il 40,7% vede se stesso come operativo, il 34% come service manager e il 25,3% come funzionario innovativo. Al contrario il 40,9% dei LOB intervistati vedono i loro CIO come funzionari innovativi e solo il 27,5% vede il proprio CIO come operativo. Queste percentuali sono indicative di ciò che il CIO si trova a dover affrontare nell’evoluzione del proprio ruolo, dove possedere requisiti operativi disattende, in qualche modo, le attese della controparte.

 “I CIO che rimangono operativi si troveranno messi da parte nei prossimi tre anni. Se vorranno mantenere il loro ruolo di rilievo dovranno spostare l’attenzione verso la trasformazione e l’innovazione, incorporando tali innovazioni nelle loro solide infrastrutture. Continuare semplicemente ad andare avanti porterà il business a trovare altre fonti per la leadership nella tecnologia e nell’innovazione”, ha affermato Mike Jennett, Vice President of Research for Enterprise Mobility in IDC’s IT Executive Program.

Per sostenere e preparare i partner CIO al business, IDC ha introdotto Leading in 3D, una struttura che coinvolge i CIO in ogni fase della business Digital Transformation: dall’innovazione al service delivery, con una specifica attenzione sull’abilità IT di gestire la transizione da una, all’altra. IDC prevede che fino alla fine del 2018, due terzi dei CIO avranno abbracciato Leading 3D, che permetterà loro di innovare, integrare e incorporare contemporaneamente.

Secondo il report, sono presenti interessanti correlazioni tra come i CIO vedono sé stessi e di come vedano la loro principale area di interesse. Il 67,2% dei CIO operativi si concentrerà sull’innovazione, mentre solo il 26,3% dei CIO innovativi si focalizzerà sull’innovazione. IDC conclude che i CIO operativi hanno compreso la necessità di evolversi. Per poter essere competitivi nell’ambiente in continuo mutamento della digital transformation, le organizzazioni IT e i CIO devono sottoporsi ad una trasformazione: dalle operazioni e negoziazione di servizi al lavoro in partnership, all’innovazione e ai nuovi prodotti e servizi digitally-enabled.

 “La nostra ricerca sottolinea un cambiamento fondamentale nel ruolo del CIO a causa della 3rd Platform e della digital transformation. Mentre molti CIO hanno abbracciato questo cambiamento, c’è ancora una grande percentuale che beneficerà nello stimare le proprie organizzazioni e le relazioni con le controparti nel business durante il loro percorso”, conclude Jennett.

© Riproduzione Riservata

Commenti:

0 commenti riguardanti CIO: i funzionari di innovazione

Lascia un commento

I miei articoli

Seguici       •             |      Registrati