CeBIT 2017: DataCore presenta le novità nel Software-defined Storage e le nuove appliance iper-convergenti

453

L’azienda presenta l’ultima novità frutto dell’alleanza strategica mondiale con Lenovo

In occasione di CeBIT 2017 DataCore Software ha realizzato per la prima volta un proprio stand per presentare i principali sviluppi dei suoi Hyper-converged Virtual SANSANsymphony Software-Defined Storage e Parallel I/O Processing Software. La novità principale dell’evento di quest’anno è la cooperazione strategica tra DataCore e Lenovo, nata con l’obiettivo di semplificare e ampliare la diffusione sul mercato di queste tecnologie. Le due società hanno creato congiuntamente nuove soluzioni di Software-defined Storage che uniscono le rispettive offerte in appliance completamente integrate. Il tutto si è tradotto nella linea Lenovo Storage DX8200D Powered by DataCore, presentata la scorsa settimana.

Questa appliance di Software-defined Storage (SDS) pronta all’uso sfrutta la robusta piattaforma server di Lenovo e il software SANsymphony di DataCore Software per la virtualizzazione avanzata dello storage e per l’ottimizzazione dell’I/O parallelo multi-core. Lenovo offrirà la DX8200D come appliance pre-integrata, promettendo così un’enorme semplificazione dell’installazione e la riduzione delle spese di gestione, mettendo a disposizione al contempo un unico punto di supporto. L’appliance SDS dotata dei servizi avanzati di Software-defined Storage di livello enterprise e di funzionalità di elaborazione parallela permette di implementare rapidamente nei data center una soluzione chiavi in mano in grado di sfruttare al meglio le batterie SAN esistenti. In più, può ottimizzare infrastrutture di storage eterogenee, permettendone la scalabilità in base alle esigenze e semplificando la sostituzione delle batterie di storage più vecchie. Attraverso l’interfaccia centralizzata DataCore, la DX8200D offre protezione, replica, deduplica e compressione dei dati, oltre a numerose altre funzionalità di storage enterprise a un prezzo molto più basso delle batterie SAN tradizionali.

I potenti e affidabili server Lenovo uniti al software per l’elaborazione parallela dell’I/O di DataCore ridefiniscono gli standard di prestazioni, convenienza e gestione delle diverse tipologie di storage e infrastrutture di livello enterprise,” ha detto George Teixeira, presidente e CEO di DataCore Software. “La Lenovo DX8200D con software DataCore semplifica non solo l’approccio al Software-defined Storage, ma anche la crescita e gli investimenti per il futuro. Questa appliance pronta all’uso può essere implementata velocemente e senza difficoltà in qualsiasi ambiente, offrendo immediatamente risparmi e benefici prestazionali.”

In più, DataCore proporrà degli aggiornamenti all’interno dei nuovi Product Service Pack (PSP), ulteriori sviluppi del software di elaborazione parallela basati sull’esclusiva tecnologia Adaptive Parallel I/O di DataCore e un portfolio prodotti allargato con l’introduzione di nuovi nodi di storage “bulk”. Questo nuovo modello di licenze è stato specificamente pensato per una conveniente protezione e archiviazione a lungo termine dei dati utilizzati raramente e sarà disponibile tramite i partner di canale a una frazione dei costi software delle soluzioni per ambienti di produzione.

È fantastico essere presenti al CeBIT 2017 con un nostro stand,” ha detto Stefan von Dreusche, Director Central Europe di DataCore. “Le richieste dei visitatori che ci sono giunte prima dell’evento mostrano che l’attenzione per le soluzioni iper-convergenti è ai massimi livelli, e così siamo entusiasti di poterne offrire una delle più interessanti. È stato dimostrato che è in grado di offrire le prestazioni più elevate, il miglior rapporto prezzo/prestazioni e i tempi di risposta più bassi mai misurati. Ecco perché gli sviluppi congiunti insieme a partner hardware come Lenovo sono un’offerta attraente per i nostri partner e i nostri clienti.”