Kaspersky Security for Virtualization Light Agent

Kaspersky Lab ha annunciato una nuova soluzione di sicurezza nel campo della virtualizzazione che offre una protezione avanzata per le piattaforme virtuali VMware, Citrix e Microsoft. Kaspersky Security for Virtualization | Light Agent si aggiunge alla già esistente soluzione di sicurezza agentless per la virtualizzazione di Kaspersky Lab per gli utenti VMware e vSphere, che continuerà ad essere offerta con il nome di Kaspersky Security for Virtualization | Agentless.

La nuova tecnologia light agent è la prima soluzione di sicurezza di Kaspersky Lab ottimizzata per i clienti di Microsoft Hyper-V e Citrix XenServer e fornirà ai clienti VMware la possibilità di scegliere tra la protezione agentless o light agent.
Sia il nuovo Light Agent che la soluzione già esistente Agentless saranno offerte ai clienti attraverso l’acquisto di 
una singola licenza del prodotto Kaspersky Security for Virtualization

Kaspersky Security for Virtualization | Light Agent offre dei benefici che garantiscono diversi vantaggi rispetto all’approccio tradizionale agent-based. Nel modello light agent, quasi tutti i processi di sicurezza ad alta intensità di risorse vengono eseguiti da un dispositivo virtuale dedicato ad un livello di hypervisor. Incanalando il traffico di rete virtualizzato e i file attraverso questo dispositivo aggiornato, le VM sono completamente protette da aggiornamenti di sicurezza nello stesso istante in cui questi vengono creati e questo fa sì che non sia più necessario produrre, per ogni VM, copie ridondanti di database anti-malware attraverso la rete. La scansione intelligente di Kaspersky Lab garantisce anche che lo stesso file non venga analizzato più volte, liberando le risorse aggiuntive di sistema.

Maggiore protezione

L’approccio light agent, oltre ad offrire prestazioni migliori rispetto ad un approccio agent-based, offre anche una maggiore protezione rispetto ad un modello agentless. I modelli di sicurezza agentless, a livello di prestazioni, offrono il vantaggio di far svolgere il 100% delle attività di sicurezza alla macchina virtuale e ad un dispositivo virtuale dedicato, ma questo, allo stesso tempo, limita la capacità del software di eseguire attività di gestione di sicurezza avanzate e di protezione della rete sugli endpoint virtuali. Un sistema di sicurezza agentless protegge efficacemente l’attività basata su file ma non può garantire protezione contro i nuovi malware del web, come i worm o le altre minacce avanzate in grado di penetrare i processi del sistema degli endpoint virtuali e diffondersi attraverso una rete. Questo dimostra come un approccio light agent sia in grado di fornire l’equilibrio ideale tra prestazioni e protezione.

Spinti dalla ricerca dei nostri esperti di sicurezza la nostra missione è quella di educare le imprese sui possibili rischi della sicurezza virtuale e fornire delle valide opzioni per proteggere la propria rete – ha dichiarato Nikolay Grebennikov, Chief Technology Officer di Kaspersky Lab -. Non c’è soluzione che vada bene per tutte le reti, per questo Kaspersky Lab offre una combinazione di opzioni di sicurezza valide per le tre principali piattaforme virtuali del mondo cosi che i nostri clienti siano protetti e allo stesso tempo ottengano il massimo dai loro investimenti di virtualizzazione”.