SUSE e MariaDB arricchiscono l’ecosistema Linux su IBM POWER8

La partnership ottimizza MariaDB Enterprise per SUSE Linux Enterprise Server 12 per offrire più scelta, supporto e scalabilità sui server IBM Power Systems

SUSE e MariaDB Corporation(in precedenza SkySQL) hanno stretto una partnership che amplia l’ecosistema di applicazioni Linux su IBM Power Systems, consentendo ai clienti di eseguire una maggiore varietà di applicazioni su POWER8, aumentando la propria flessibilità e libertà di scelta senza abbandonare la propria infrastruttura IT esistente.
“Questa partnership è un vantaggio per SUSE, un vantaggio per IBM e un vantaggio per i clienti e la communitydi MariaDB – commenta Patrik Sallner, CEO di MariaDB Corporation -. L’ottimizzazione di MariaDB per SUSE Linux Enterprise Server 12 su serverIBM Power Systems con processori POWER8 offre alle grandi aziende un modo ideale per distribuire facilmente ambienti di database con prestazioni di scalabilità senza precedenti e disponibilità quasi continua”.

MariaDB Enterprise sarà ottimizzato per SUSE Linux Enterprise Server 12 su server basati IBM POWER8. SUSE e MariaDB pubblicheranno guide all’ottimizzazione e alla messa a punto rivolte a clienti e partner per evidenziare ulteriormente le capacità e i vantaggi (in termini di prestazioni) offerti da Linux su Power.
Tra i vantaggi dell’operazione troviamo che grazie al semplice porting del software sviluppato su Linux per x86 a Linux per Power su sistemi little-endian, SUSE Linux Enterprise Server 12 consente agli utenti di eseguire una maggiore varietà di applicazioni su POWER8, comprese quelle sviluppate in linguaggi compilati o di scripting come C++, Ruby PHP o Java.

IBM PowerKVM e SUSE Linux Enterprise Server 12, con KVM, forniscono inoltre il supporto per la virtualizzazione di workload Linux su processori POWER8.
Vantaggi anche in termini di scalabilità e prestazioni: SUSE Linux Enterprise Server 12 sfrutta appieno gli otto thread per core di POWER8, consentendo l’esecuzione simultanea di un numero più elevato di task, e le strutture di memoria cache L3 di maggiori dimensioni favoriscono una più alta densità di potenza computazionale, l’ideale per applicazioni data-intensive.

L’accordo offre infine ai clienti accesso al supporto di livello aziendale di SUSE e MariaDB.