Proattività: la parola chiave per gestire la rete

proattività

Uso della banda, siti non reattivi, backup lenti sono solo alcuni dei problemi più temuti dai professionisti It. Per sconfiggerli la mossa vincente sta nel portare avanti un intervento proattivo: non bisogna aspettare il disastro per interventire. I professionisti It dovrebbero selezionare il proprio insieme di strumenti preferiti per affrontare i problemi che più li preoccupano.

Il modo migliore per gestire un’anomalia nell’infrastruttura di rete è la capacità di riconoscerala come tale e quantificarla. E’ perciò fondamentale, per i professionisti It, stabilire i confini di cosa considerare normale nel proprio ambiente. E’ poi importante compilare una checklist e testare: un blackout, ad esempio, richiede una particolare sequenza di eventi per ritornare alla piena operatività e una checklist vi darà indicazioni fondamentali come in quale sequenza accendere i server e i vari dispositivi di reti, quali processi debbano essere riavviati manualmente ed, eventualmente, i report che devono essere reinizializzati.

Prima di fare modifiche un altro passo fondamentale per i team It è quello di eseguire un backup, quando possibile, e testare tutte le modifiche apportate al sistema, per quanto ciò possa essere noioso. E’ meglio fare un test e identificare un problema prima, che correre ai ripari dopo.

Una volta che i professionisti It seguono questi passaggi per assumere il controllo del loro ambiente e prevenire i problemi prima che questi vengano alla superficie, si sentiranno anche più pronti e fiduciosi nelle proprie capacità. I responsabili It devono incoraggiare questo atteggiamento nel personale, affidando loro compiti più complessi, investendo denaro negli strumenti giusti e, allo stesso tempo, lasciando anche la possibilità di sbagliare.