Una ricerca di EMC evidenzia che quasi due terzi degli intervistati considera il Cloud ibrido il fattore in grado di incrementare l’agilità delle aziende e la sicurezza

Hybrid_Cloud

Come evolve il ruolo della tecnologia all’interno delle aziende? Lo rivela uno studio condotto per conto di EMC da Vanson Bourne su oltre 10 mila decisori It in 33 Paesi.
La ricerca ha rilevato una crescita globale dell’adozione del cloud computing, con la maggior parte degli intervistati che ha indicato il cloud ibrido come opzione preferita per incrementare agilità e sicurezza del business.

L’adozione dell’hybrid cloud, in effetti, è aumentata del 9% rispetto al 2013 e circa due terzi degli intervistati a livello globale (64%) ha espresso la necessità di utilizzare il cloud ibrido proprio grazie alle caratteristiche di agilità e sicurezza di cui dicevamo sopra.
Il 74% del campione ritiene inoltre che l’incremento dell’automazione nello loro strutture sia un imperativo per supportare la crescita del business.

Più scettico è invece l’atteggiamento verso il Cloud pubblico. Se infatti le organizzazioni si stanno spostando sempre più verso l’online, solo il 16% degli intervistati ha espresso la volontà di utilizzare il Public Cloud per le proprie applicazioni.
Le applicazioni che la maggior parte degli intervistati rifiuterebbero di mettere nel cloud pubblico includono quelle di pianificazione finanziaria (39%), gestione del capitale umane (35%) ed ERP (32%).

Relativamente all’adozione del Cloud i mercati maturi, con economie tecnologiche più avanzate, sono in prima fila, mentre i mercati emergenti sembrano essere più restii, anche se manifestano un atteggiamento positivo verso il cloud ibrido, tanto che il 67% pensa di combinare cloud pubblico e privato per migliorare sicurezza e agilità (contro il 60% delle nazioni mature).