Software-Defined Data Center: a colloquio con Chris Wolf e Joe Baguley

La seconda parte dell’intervista ai due manager VMware, che spiegano la loro opinione sul Software-Defined Data Center e l’evoluzione che questo comporta per le aziende e i professionisti It

[section_title title=Parte uno]

A cura di VMware

Dopo le dichiarazioni della scorsa settimana, in questa parte dell’intervista Chris Wolf, CTO, Americas, e Joe Baguley, CTO, EMEA di VMware, spiegano la loro opinione sul Software Defined Data Center e l’evoluzione che questo comporta per le aziende e i professionisti IT.

Qual è il futuro per lo specialista IT?

CW: Avrà sempre meno bisogno di specializzazione; credo sia questa la chiave. Proprio questa settimana un cliente mi ha spiegato che si aspetta di avere più personale IT generalista, ma avendo ancora dell’hardware nel proprio data center avrà ancora bisogno di alcuni specialisti che si occupino degli aspetti legati alla risoluzione dei problemi e alla connettività dell’hardware.

Quanto è critico tutto questo per le PMI?

CW: Per le PMI è veramente importante abbracciare questa tecnologia perché non importa quanto piccolo sia il business, è comunque necessario mantenere la prospettiva e l’impostazione di un business globale sempre in movimento. Una piccola azienda può permettersi solo uno o due persone full time nell’IT e potrebbero non essere sufficienti. Queste tecnologie sono importanti per mantenere la giusta apparenza a livello pubblico che l’azienda deve avere.

JB: Storicamente, in Europa il mercato delle PMI è sempre stato più esteso rispetto ad altre Regioni, per questo motivo proprio qui le aziende hanno la possibilità di fare da apripista, dimostrando che – nonostante la dimensione relativa dell’organizzazione – se vengono supportate dalla tecnologia giusta, possono competere con imprese consolidate.
In sintesi, non è un’opzione per le PMI avere delle risorse legate al mantenimento delle operazioni IT.
In aree come il Medio Oriente per esempio, un mercato relativamente nuovo, le aziende sono maggiormente pronte a sfruttare il mondo del Software Defined perché non hanno il legacy associato ad altre Regioni.

Come scelgono le imprese la strada giusta verso il cloud ibrido e SDDC?

CW: Parte del ruolo di VMware è essere un consulente di fiducia e assicurarsi che le aziende comprendano come possano metodicamente raggiungere lo stato finale. Tutti amano l’idea di essere completamente automatizzati e di fare IT as a service, ma bisogna partire dal piccolo.

Potrebbero, ad esempio, partire automatizzando semplicemente il proprio lab di sviluppo e test, per poi evolversi da lì. Anche quando si imposta la tecnologia, i processi cambiano e le persone devono acquisire nuove competenze. Bisogna costruire una base di conoscenza istituzionale prima di andare avanti a sviluppare questi concetti.

Cosa potrebbe accelerare questo processo?

CW: VMware sta facendo molto per contribuire ad accelerare il processo. Uno degli esempi migliori è la nostra linea EVO che fornisce un’esperienza IOS-like per la delivery dei servizi data center. Semplicemente funzionano, vengono aggiornati in modalità as a service. Non bisogna più pensarci, basta sapere che stanno funzionando.
La situazione è paragonabile all’utilizzo di un iPhone: non si ha tanto a che fare con IOS, ma con le applicazioni. Allo stesso modo, alla fine della giornata il team IT spreca molto meno tempo in aggiornamenti e manutenzione e può concentrarsi su cose più importanti.

Che cosa può offrire VMware alle start-up?

CW: Le start-up sono importanti perché spesso sono quelle aziende che sanno rivoluzionare la tecnologia tradizionale, e molta innovazione proviene dalle loro organizzazioni.
Vogliamo essere sicuri di avere una piattaforma estesa che le start-up possano rapidamente sfruttare e integrare.
Nei primi tempi potrebbero non avere la larghezza di banda necessaria per avere un rapporto vero con noi ed è per questo che il sostegno di VMware a OpenStack è così importante. Oggi, infatti , grazie a un set di API Open Stack condiviso nella community, siamo in grado di integrarle con qualsiasi nuovo tipo di tecnologia offerta dalle start-up, usando semplicemente l’open source.
Tutto questo permette alle aziende clienti di innovare al proprio ritmo utilizzando alcune delle nuove tecnologie emergenti provenienti da queste start-up attraverso l’integrazione nativa Open Stack.

Quali sono alcuni degli altri benefici del SDDC?

CW: Quando si distribuisce un’applicazione, non si ha davvero idea di dove l’applicazione debba risiedere per tutta la sua vita. Con l’approccio SDDC, si può continuare a eseguirla nel proprio data center, presso un outsourcer o in un cloud pubblico, o ovunque si senta il bisogno di farlo durante tutto il ciclo di vita dell’applicazione. Per il team IT basta poco tempo per passare l’applicazione da una all’altra di queste piattaforme.

Le organizzazioni IT spesso sembrano dimenticare i costi di dismissione di una piattaforma. Sembra così anche a voi?

CW: Conversando con i clienti spesso abbiamo scoperto come molti non si rendessero conto di quanto gli sarebbe costato eseguire l’applicazione su Amazon Web Services. Hanno chiesto cosa comportasse spostarla? Quando abbiamo indagato a fondo, 99 volte su 100, la risposta è stata no. La parte più costosa sarà fare la migrazione.

Spostare lo stack operativo, la gestione e la sicurezza che si trova dietro l’applicazione è sempre la parte più difficile. Con un’infrastruttura basata su VMware quel pezzo del puzzle non viene mai modificato, indipendentemente da dove si fa girare l’applicazione. Tutto rimane allo stesso modo.
Un cliente vCloud Air ha dichiarato di aver ridotto un processo di due settimane a meno di un giorno. Si tratta della stessa infrastruttura VMware e delle stesse API, quindi non è stato necessario fare nulla. Bastava portare tutto online e assicurarsi che funzionasse. E questo è stato l’unico sforzo della giornata.

Per proseguire la lettura vai alla pagina seguente.