Un bilancio più che positivo, un parco clienti di prestigio e il lancio della nuova versione di Sentinet 4.0 sono le ultime novità della società specializzata in tecnologie informatiche e telecomunicazioni. Ne abbiamo parlato col CEO, Antonio Capobianco

AntonioCapobianco HR

[section_title title=Fata Informatica vola nonostante la crisi]

Un’azienda che da 20 anni porta competenze e che dal 2005, nonostante i venti della crisi, ha attraversato un periodo entusiasmante da tutti i punti di vista grazie al lancio di Sentinet, la prima soluzione italiana di Unified Proactive Monitoring e che ora ritorna con una nuova realese (Sentinet 4.0) che avrà come tematica predominante quella della cybersecurity: è questo Fata Informatica, specialista nel campo delle tecnologie dell’informatica e delle telecomunicazioni. Siamo stati a colloquio con Antonio Capobianco, CEO della società che ci ha parlato dei tratti caratteristici della società, delle novità e di previsioni e bilanci.

Da anni Fata Informatica opera nel settore delle tecnologie dell’informatica e delle comunicazioni. Come si differenzia la vostra società dai competitors? Che valore aggiunto porta?

Sembrerà uno slogan scontato ma il vero valore aggiunto apportato dalla nostra azienda è la competenza tecnica. Il nostro management è composto da tecnici che partecipano attivamente e con passione alle varie fasi di della progettazione delle nostre soluzioni. Basti pensare che per i primi 10 anni di attività, ora ne abbiamo 20, ci siamo espansi sul mercato senza l’ausilio di commerciali. Solo con il passaparola!

Un risultato davvero sorprendente… che vi ha portato ad annoverare tra i vostri clienti alcune delle più importanti aziende italiane. In quali settori siete presenti?

Fata Informatica da 20 anni fornisce servizi alle più prestigiose aziende italiane sia pubbliche che private. Tra questo posso annoverare il Ministero degli affari esteri, con il quale collaboriamo su diversi fronti quali Schengen, la gestione dei Passaporti Elettronici e del sito istituzionale, il Comando Generale della Guardia di Finanza, che gestisce la propria infrastruttura di rete con i nostri apparti, oltre al Ministero dello sviluppo economico, il Comando Generale C4, il Centro sistemi informatici dell’esercito, Italferr, ASL Napoli B e l‘Aereonautica Militare.

Fata Informatica è nota per aver lanciato nel 2005 il primo sistema italiano di Unified Proactive Monitoring. Di cosa si tratta?

E‘ una innovativa soluzione di Monitoraggio di una infrastruttura IT a 360°. Nella mia esperienza il mercato è composto di organizzazioni che o non possiedono strumenti di monitoraggio o che hanno il problema inverso ovvero ne hanno troppi. Uno per monitorare la rete, un altro per monitorare i parametri ambientali del datacenter, uno per monitorare i sistemi. Sentinet3 è un sistema all-in-one: è infatti uno strumento in grado di monitorare tutta l’infrastruttura a partire dai parametri ambientali sino alla rete ed ai sistemi.

Per proseguire la lettura dell’intervista vai alla pagina seguente.