Servizi Ict del CSI Piemonte: un’indagine svela il gradimento dei soci

Apprezzata soprattutto l’affidabilità. Il Consorzio ora è già al lavoro per migliorare flessibilità, innovazione e semplicità

I servizi offerti dal CSI Piemonte sono apprezzati soprattutto per affidabilità e competenza: questo è il primo dato che evidenzia l’indagine di customer satisfaction voluta dai vertici del Consorzio informatico e condotta tra maggio e giugno su alcuni significativi servizi Ict erogati ai Soci clienti: Regione Piemonte e Consiglio regionale, Città di Torino e Città metropolitana, enti locali e aziende sanitarie.

Si tratta di un’iniziativa realizzata seguendo le indicazioni metodologiche del Dipartimento della Funzione Pubblica per verificare il grado di soddisfazione dei servizi e individuare le aree su cui intervenire per garantire risultati in linea con le attese dei clienti. Sono state effettuate quattro rilevazioni: tre su specifici servizi – assistenza alle postazioni di lavoro, servizi per il personale, suite per la dematerializzazione dei documenti – rivolte agli utilizzatori dei prodotti, e una più trasversale sull’azione complessiva del Consorzio, rivolta in particolare ai livelli dirigenziali degli enti pubblici.

Complessivamente l’indagine ha fornito un indice sintetico di soddisfazione positivo, con un punteggio medio di 73 su 100, raggiungendo un buon tasso di partecipazione, circa il 30%: dei 16 mila utenti invitati, più di 5 mila hanno risposto ai questionari on line, affiancati a quasi cento interviste de visu.
Sono emersi anche valutazioni e suggerimenti per piani e azioni di miglioramento, in particolare per ridurre la difficoltà percepita dai clienti nell’interazione con una struttura complessa e per fornire prodotti sempre più facili da usare.

“I dati di questa ricerca sono un ottimo punto di partenza per lavorare avendo come obiettivo il costante miglioramento dei nostri servizi e la piena soddisfazione dei nostri Soci clienti – conferma il Presidente del CSI Piemonte Riccardo Rossotto – Abbiamo già individuato le prime azioni organizzative, commerciali e di servizio per facilitare la comunicazione con il CSI, ottimizzare le risorse, aumentare propositività e flessibilità, garantire tempi di risposta ancora più efficienti e soluzioni semplici”.