Per il secondo anno di fila, la società è stata posizionata ai massimi livelli per completezza di visione e capacità di esecuzione

Ibm

Dopo il recente riconoscimento come vendor a più rapida crescita nel mercato globale del software per la sicurezza, IBM è stata nominata da Gartner per il settimo anno consecutivo leader nel Security Information and Event Management (SIEM) dell’ultimo ‘Magic Quadrant’.

Le soluzioni di SIEM aiutano le imprese a rilevare e a bloccare prontamente gli attacchi alla sicurezza, attraverso l’analisi in tempo reale dei dati di tutta l’infrastruttura It.

IBM Security QRadar SIEM fa leva su input in tempo reale provenienti dalla rete di IBM X-Force Threat Intelligence: si tratta di punti di forza che consentono l’analisi di un’ampia mole di dati e l’assegnazione delle priorità ai potenziali eventi correlati alla sicurezza, separando le minacce concrete da anomalie spiegabili. Nel corso del 2015 la soluzione è stata portata anche sul cloud, con la possibilità di fruire delle funzionalità di analytics e monitoraggio in modalità as a service.

Per il secondo anno di fila, IBM è stata posizionata ai massimi livelli per completezza di visione e capacità di esecuzione. Nel primo ambito, gli analisti di Gartner hanno valutato la capacità dei vendor di comprendere desideri ed esigenze degli acquirenti, e di tradurli in prodotti e servizi. Per il secondo, Gartner ha tenuto conto di sette criteri, compresi customer experience e reattività alle dinamiche di mercato.

Con attacchi sempre più sofisticati, la threat intelligence rappresenta oggi una necessità per le aziende che vogliono difendersi in modo rapido e, se possibile, preventivo. Contro il fenomeno globale del cybercrime IBM ha di recente anche annunciato IBM X-Force Exchange, una nuova piattaforma integrata con QRadar che permette al settore privato condivisione di dati relativi a minacce alla sicurezza informatica e collaborazione a livello di threat intelligence nel settore privato per difendersi dai crimini informatici.

Per visionare l’intero report clicca qui