Nell’era della mobilità, caratterizzata dal proliferare di dispositivi quali tablet e smartphone, l’offerta di servizi cloud è un’opportunità interessante sia per i vendor di tecnologia sia per gli Internet service provider . Così F-Secure, colosso finlandese noto per i suoi prodotti di sicurezza online, entra ufficialmente nella “nuvola” con il lancio della soluzione Content Anywhere, che permette agli utenti di sincronizzare e condividere i propri contenuti digitali in qualsiasi momento e da qualsiasi dispositivo.

 

La nuova tecnologia, infatti, si rivolge espressamente ai clienti degli operatori di telefonia, che F-Secure mette al centro della propria strategia di vendita : «Oggi i consumatori – ha affermato Miska Repo, country manager di F-Secure Italia – non intendono più mettere a rischio i propri contenuti digitali pubblicandoli online su spazi pubblici, ma sono alla ricerca di operatori in grado di fornire loro servizi locali e sicuri. Noi collaboriamo con i maggiori Isp di tutto il mondo, che godono della fiducia dei propri clienti e possono trarre grandi opportunità dal content cloud». Tra i punti di forza della soluzione, l’interfaccia grafica che garantisce una user experience unica (o “liquid” secondo la definizione di F-Secure), indipendentemente dal dispositivo utilizzato o dal sistema operativo.

 

Ma l’azienda di Helsinki sta facendo del cloud uno dei propri cavalli di battaglia anche nel mercato più propriamente b2b: ad esempio, con l’offerta della soluzione Protection service for business (Psb), che si basa sul concetto di “sicurezza come servizio” e si rivolge alle Pmi. L’intera soluzione è mantenuta da F-Secure e il partner locale gestisce e controlla i computer del cliente, garantendo risparmi in termini di costi diretti. «Anche in Italia – ha spiegato Repo – le aziende stanno rispondendo con interesse alle nuove offerte di soluzioni cloud. Una volta superate le perplessità iniziali su privacy e sicurezza, sono disposte a investire in tecnologia, se ne vedono la convenienza. Continueremo quindi a puntare su questo mercato e abbiamo in serbo nuove funzionalità anche per l’ambito mobile».