Il Cremlino collegato a una campagna hacking lunga sette anni

Lo rivela un report della finlandese F-Secure

Un nuovo report diffuso da F-Secure, società finlandese specialista in sicurezza informatica, ha svelato che c’è la Russia dietro la campagna di cyber spionaggio Duke, che a partire dal 2008 ha preso di mira diversi ministeri dell’area caucasica, dell’Europa Occidentale, la NATO e anche la Casa Bianca.
Per sette anni, dunque, il Cremlino si sarebbe nascosto dietro ad una campagna di hacking che avrebbe fatto circolare in rete CozyDuke e CloudDuke, due malware estremamente pericolosi.

“La conoscenza degli obiettivi presi di mira da Dukes, compresi i ministeri esteri di alcuni paesi, le organizzazioni e gruppi inseriti nel panorama del traffico di droga, sono conformi alle politiche russe in campo internazionale e agli interessi nel settore della sicurezza – si legge nel report –. Crediamo che gli unici beneficiari di quanto accaduto possano essere i governi che appoggiavano gli hacker. Riteniamo pertanto che Dukes lavorasse all’interno, o in stretto contatto, con un governo; escludiamo quindi la possibilità di una semplice gang criminale o appartenente a gruppi indipendenti”.

Il dubbio che rimane è uno solo. Gli specialisti di F-Secure si chiedono infatti che Paese sia stato a muovere le fila di questa campagna. “Non abbiamo tantissimi elementi che ci facciano propendere per una nazione o per un’altra ma l’opinione è che dietro Dukes ci fosse la Federazione Russa. E’ solo una teoria, ma al momento inconfutabile.

F-Secure non è la prima compagnia specializzata in sicurezza a sostenere che c’è la Russia dietro a compagne di hacking e cyber spionaggio. Già Kaspersky, a luglio, ha affermato che il 50% degli attacchi malware provengono dalla Russia.

Si tratta solo di un caso che due delle più importanti aziende con un focus in ambito security siano giunte alla medesima conclusione?

Per leggere il report completo clicca qui