Akamai potenzia il portfolio di soluzioni per la sicurezza web

L’espansione è orientata alla difesa delle aziende online dalle minacce consolidate e da quelle emergenti

Akamai potenzia il portfolio di soluzioni per la sicurezza web con il lancio di Web Application Protector e nuove funzionalità per la soluzione Kona Site Defender esistente.

La combinazione del nuovo prodotto e delle funzionalità ottimizzate mira a offrire alle aziende online una gamma di strumenti da utilizzare per difendersi in un panorama di minacce in continua evoluzione.

Web Application Protector è progettato per offrire ai clienti una protezione dagli attacchi DDoS e alle applicazioni web che richiede scarsa interazione e una manutenzione quasi nulla. I miglioramenti in Kona Site Defender sono volti a fornire una maggiore protezione dagli attacchi destinati alle API (Application Programming Interface).

L’introduzione di Web Application Protector rende disponibile una protezione importante dagli attacchi per le proprietà web, senza la necessità di affidare la configurazione o la manutenzione della protezione a personale sempre più scarso o a costosi servizi di sicurezza.  Web Application Protector include regole che vengono aggiornate continuamente da Akamai per proteggere i siti dei clienti senza richiedere l’intervento o l’approvazione del cliente.

Web Application Protector offre protezione a livello delle applicazioni, protezione contro gli attacchi DDoS, regole personalizzate ed è una soluzione preconfigurata facile da utilizzare.

Inoltre, dato che le API distribuiscono una quantità sempre maggiore di traffico Internet e sono un componente cruciale per la delivery di applicazioni mobili native, Akamai ha rafforzato la sua principale soluzione per la sicurezza web, Kona Site Defender, con nuove protezioni API. Queste nuove funzionalità sono volte a proteggere le API individuali dagli exploit di vulnerabilità note, ad esempio attacchi SQL injection e Denial of Service, da una quantità eccessiva di chiamate e Slow POST. Kona Site Defender offre un livello di protezione aggiuntivo per le API con un modello di sicurezza positivo progettato per identificare e bloccare facilmente gli accessi anomali volti a sottrarre i dati o causare danni o disordini. Per i professionisti della sicurezza che desiderano analizzare gli eventi di sicurezza generati sulla piattaforma Akamai e metterli in relazione agli eventi di sicurezza generati da altre origini nei sistemi aziendali SIEM (Security Information and Event Management, gestione delle informazioni e degli eventi di sicurezza), Kona Site Defender include da oggi l’integrazione SIEM. Questa integrazione viene offerta come integrazione immediata con le principali soluzioni SIEM o tramite un’API open.

Per tutti coloro che vogliono approfondire con Akamai i temi della sicurezza sono disponibili gratuitamente per i nostri lettori due white paper sulle modalità di attacco e sulle strategie di difesa. Se interessati visitate questo link.