Oracle Cloud promette ai clienti il TCO più basso del mercato

I nuovi programmi annunciati “Bring Your Own License to PaaS” e “Universal Credit” prevedono prezzi più bassi, performance maggiore e più automazione

Oracle ha annunciato nuovi programmi Oracle Cloud che promettono di ridurre i costi offrendo maggiore automazione e flessibilità e consentono ai clienti di ottenere più valore dai loro investimenti software Oracle esistenti.
La promessa arriva direttamente da Larry Ellison, Oracle Executive Chairman del Board e CTO, che, in occasione di un evento live, ha anche annunciato l’inclusione di nuovi programmi come “Bring Your Own License to PaaS” e “Universal Credit”.

Nel primo caso sarà possibile per i clienti riutilizzare le licenze software già acquistate per Oracle PaaS, inclusi Oracle Database, Oracle Middleware, Oracle Analytics e altri. In questo modo, chi lo vorrà potrà sfruttare le proprie licenze locali per eseguire Oracle Database su Oracle IaaS beneficiando di una maggiore velocità e nuove funzionalità anche rispetto all’offerta Amazon, mentre l’automazione della piattaforma Oracle permetterà di ridurre ulteriormente i costi di gestione e di funzionamento necessari per la manutenzione in loco.

Nel secondo caso, con “Universal Credit”, sarà possibile attuare acquisti flessibili per la propria offerta Oracle Cloud a consumo. Con i crediti universali i clienti avranno, infatti, a disposizione un contratto semplice che garantisce accesso illimitato a tutti i servizi Oracle PaaS e IaaS attuali e futuri. Chi accederà al servizio potrà beneficiare sia dell’accesso on demand a tutti i servizi, sia del vantaggio di usufruire dei servizi prepagati a un minor costo.