HPE e Microsoft semplificano la gestione dell’hybrid cloud

HPE ProLiant for Microsoft Azure Stack propone una soluzione a consumo per accelerare i deployment dell’hybrid cloud di Microsoft

Hewlett Packard Enterprise ha annunciato la disponibilità generale di HPE ProLiant for Microsoft Azure Stack, che permette a clienti e service provider di adottare servizi compatibili con Azure sull’infrastruttura HPE presente nei loro data center.
Si concretizza, così, un supporto effettivo alla semplificazione degli ambienti IT ibridi, che combinano IT on-premises tradizionale con private, managed e public cloud.

Di fronte a questo scenario, l’IT deve quindi soddisfare le complesse esigenze di sviluppatori e linee di business, scegliere il giusto mix di soluzioni tecnologiche per ciascuna organizzazione, e ridurre i costi fissi e quelli variabili.

Nello specifico, HPE ProLiant for Microsoft Azure Stack permette ai clienti di:

 •    Implementare e gestire on-premises servizi ad alte prestazioni compatibili con Microsoft Azure
•    Connettersi con HPE, Microsoft ed esperti di settore per pianificare, realizzare e gestire hybrid cloud
•    Utilizzare servizi Microsoft Azure Stack sotto forma di contratto per semplificare la fatturazione e ridurre i costi

Semplificare la gestione dell’hybrid cloud
Co-ingegnerizzata e validata da HPE e Microsoft, HPE ProLiant for Microsoft Azure Stack fornisce ad aziende e service provider un’esperienza semplificata e integrata di sviluppo, gestione e sicurezza compatibile con quella dei servizi public cloud di Azure in grado di funzionare on-premises.

Il suo obiettivo è supportare le organizzazioni a modernizzare lo sviluppo applicativo e a implementare le applicazioni in base alle rispettive esigenze. Inoltre, consente di rispettare i requisiti di sovranità dei dati, sicurezza e compliance e con elevati livelli di performance dell’infrastruttura on-premise.

HPE ProLiant for Microsoft Azure Stack offre, inoltre, ai clienti la possibilità di customizzare le rispettive implementazioni scegliendo tra:
•    Configurazioni da quattro a 12 nodi disponibili a incrementi singoli o a blocchi di quattro per permettere ai clienti di ordinare i sistemi della dimensione più adatta ai propri requisiti specifici
•    I processori più adatti a seconda del particolare workload
•    Opzioni di memoria e storage, una scelta di rack oltre a switch di rete e alimentatori di terze parti per un'integrazione fluida all'interno di ambienti già esistenti

I clienti possono anche accedere a un crescente ecosistema di soluzioni e servizi di terze parti per indirizzare specifici requisiti di business.