Hybrid cloud di Red Hat porta i clienti Cathay Pacific “in alta quota”

436

Una delle principali compagnie aeree sostituisce la propria infrastruttura legacy con lo stack cloud-native basato su Red Hat OpenShift Container Platform

Cathay Pacific ha creato una piattaforma più efficiente e scalabile per lo sviluppo e la fornitura di nuovi servizi, consentendo all’azienda di offrire ai propri clienti un’esperienza migliore.

Grazie alle soluzioni e ai servizi Red Hat la compagnia aerea con sede a Hong Kong è riuscita a trasformare la propria infrastruttura legacy in una moderna architettura hybrid cloud.

Le funzionalità digitali, che rappresentano il fulcro della strategia per la crescita aziendale, mirano proprio a potenziare l’esperienza per il cliente. L’infrastruttura e il processo di sviluppo legacy di Cathay Pacific rappresentavano una sfida, limitando le prestazioni dei sistemi interni e delle applicazioni rivolte al cliente. Un’infrastruttura rigida, che richiedeva molto tempo per essere modificata e che costringeva l’azienda a dedicare sempre più tempo alla manutenzione del sistema.

Avvalendosi delle tecnologie enterprise basate su standard open e guidata dall’expertise di Red Hat, Cathay Pacific ha migrato la sua infrastruttura legacy ad un’architettura hybrid cloud costituita da un ambiente private cloud, che comprende la Red Hat OpenStack Platform, in grado di fornire i workload necessari su istanze di public cloud. Il “ponte” verso il cloud pubblico è rappresentato da Red Hat OpenShift Container Platform, che supporta più di 50 applicazioni rivolte all’utente e grazie al quale Cathay Pacific è in grado di trasferire le applicazioni in modo più efficiente attraverso la propria infrastruttura ibrida e di scalare le risorse a seconda delle necessità.

Grazie alla nuova architettura IT, Cathay Pacific è ora in grado di offrire nuovi servizi in modo più conveniente e di scalare l’infrastruttura in modo da soddisfare i requisiti delle applicazioni in continua evoluzione. La velocità effettiva per l’implementazione delle applicazioni è aumentata di un fattore pari a 10 e le modifiche da 20 a 200 al giorno, per ambienti production e non-production, con ridotti tempi di inattività per gli utenti finali. Inoltre, il nuovo ambiente cloud ha portato a una riduzione del footprint dell’infrastruttura in termini di costi di hardware, manutenzione e gestione. Grazie alla maggiore efficienza e a un migliore utilizzo delle risorse, Cathay Pacific ha ridotto significativamente il costo totale di ownership per i suoi ambienti di produzione.

Red Hat Consulting ha supportato Cathay Pacific in ogni fase del processo, dalla discovery session iniziale all’identificazione dei requisiti e dei fattori di business fino all’implementazione della tecnologia. La collaborazione con Red Hat Consulting ha inoltre offerto a Cathay Pacific assistenza e formazione hands-on durante la migrazione, oltre a un supporto continuo, ove necessario.