Red Hat lancia Fuse 7 ed estende il proprio portfolio di integrazione cloud-native con una nuova offerta iPaaS

Offre una piattaforma unificata per consentire la collaborazione tra esperti di integrazione, sviluppatori di applicazioni e utenti business

Red Hat, fornitore di soluzioni open source, ha reso disponibile Red Hat Fuse 7, nuova major release della sua soluzione di integrazione, distribuita e nativa per il cloud, e ha presentato una nuova offerta di integrazione Platform-as-a-Service (iPaas), low-code e fully hosted, chiamata Fuse Online. Con Fuse 7, Red Hat estende in modo nativo le proprie innovative funzionalità di integrazione a Red Hat OpenShift Container Platform, la piattaforma Kubernetes enterprise di Red Hat. Fuse offre ai clienti una soluzione unificata per creare, estendere e implementare servizi di integrazione containerizzata su ambienti hybrid cloud.

Con un’offerta iPaaS, Fuse consente a utenti differenti – come esperti di integrazione, sviluppatori di applicazioni e integratori singoli non-tecnici – di partecipare in modo indipendente al processo di integrazione utilizzando una singola piattaforma, mantenendo la conformità ai processi e alla governance corporate. La versione più recente introduce un’interfaccia grafica browser-based con funzionalità drag-and-drop low-code, che permette sia agli utenti business che agli sviluppatori di integrare più rapidamente applicazioni e servizi, usando oltre 200 connettori e componenti predefiniti. Questi elementi sono basati su Apache Camel e comprendono più di 50 nuovi connettori per big data, servizi cloud e endpoint SaaS, che le organizzazioni possono adattare e dimensionare per sistemi legacy, API, dispositivi IoT e applicazioni cloud-native. I clienti possono anche estendere servizi e integrazioni per consentirne l’utilizzo da parte di partner e fornitori indipendenti.

Sfruttando le funzionalità di Red Hat OpenShift Container Platform, Fuse offre una maggiore produttività e gestibilità in ambienti cloud privati, pubblici o ibridi. Questa esperienza nativamente basata su OpenShift consente portabilità di servizi e integrazioni su diversi ambienti runtime e permette a utenti differenti di operare in modo più collaborativo.

Fuse può essere implementato assieme a Red Hat 3scale API Management, l’offerta di API management di Red Hat, per aggiungere funzionalità di sicurezza, monetizzazione, limitazione di banda e community ai servizi creati con Fuse o in altro modo. Insieme a Red Hat OpenShift Container Platform, Fuse e 3scale API Management rappresentano la base dell’architettura di integrazione agile di Red Hat. Rilasciato a maggio 2018, 3scale API Management 2.2 ha introdotto nuovi strumenti per la configurazione grafica delle policy, la loro estensione e condivisione, e ha esteso il supporto TLS – tutto allo scopo di rendere più semplice agli utenti business implementare i programmi API delle loro organizzazioni.