Xen 4.0 non teme il workload

Il software hypervisor open source èfrutto dell’impegno di un team globale di sviluppatori costituito da oltre 50 importanti vendor, università e professionisti della virtualizzazione

Xen.org ha annunciato la disponibilità di Xen 4.0, il software hypervisor open source frutto dell’impegno collettivo di un team globale di sviluppatori costituito da oltre 50 importanti vendor tecnologici, università e professionisti della virtualizzazione. Facendo leva sulle nuove schede di rete ottimizzate per la virtualizzazione, Xen 4.0 fornisce agli utenti incrementi sostanziali di performance e scalabilità per qualsiasi livello di workload applicativo negli ambienti enterprise o cloud. Xen 4.0 aggiunge importanti miglioramenti in termini di sicurezza e memoria che consentono all’infrastruttura di virtualizzazione di raggiungere livelli di performance senza precedenti.

Di conseguenza, la virtualizzazione risulta adatta a qualsiasi workload, anche ad applicazioni Hpc (High performance computing) e network-intensive che in precedenza avrebbero registrato performance insufficienti su qualsiasi hypervisor. Xen 4.0 permette di implementare la virtualizzazione ovunque, su tutti i server presenti all’interno di un datacenter, favorendo la semplicità di utilizzo e offrendo un’architettura sicura, elevata disponibilità, massima flessibilità ed efficienza a tutte le applicazioni.

Le caratteristiche principali di Xen 4.0 prevedono:

Fault Tolerance – Xen 4.0 ora supporta la sincronizzazione transazionale live degli stati delle VM fra server fisici come componente di base, dando agli amministratori la possibilità di garantire una elevata affidabilità del servizio senza dover ricorre a soluzioni software aggiuntive.

High Availability – Xen 4.0 fa leva sulle caratteristiche avanzate di affidabilità, disponibilità e funzionalità (RAS) nei nuovi processori Intel Xeon (Nehalem-EX) e AMD Opteron

NetChannel2 – NetChannel2 di Xen 4.0 sfrutta appieno i miglioramenti apportati all’hardware di networking come le SMART NIC con funzioni SR-IOV e multi-queue, per un’infrastruttura di virtualizzazione con capacità superiori di elaborazione dei dati.

Blktap2 – La nuova implementazione di hard disk virtuale (VHD) di Xen 4.0 offre snapshot VM e funzioni di clonazione ad alte prestazioni, oltre alla capacità di eseguire snapshot live di dischi virtuali senza dover fermare i processi VM.

PVOps Domain 0 – Xen 4.0 è la prima release di Xen.org a supportare formalmente PVOps nel kernel Linux Domain0 (Dom0); questa nuova opzione del kernel permette agli amministratori di accedere ai dispositivi più recenti supportati dal kernel Linux.

Miglioramenti alla memoria – In Xen 4.0 sono stati introdotti nuovi algoritmi, come Transcendent Memory e Page Sharing, finalizzati a ottimizzare le performance e le capacità delle operazioni dell’hypervisor inerenti la memoria.