IBM e ServiceNow insieme a prescindere da quale cloud

L’estensione di partnership annunciata è a supporto delle aziende interessate a semplificare la gestione delle risorse IT nei diversi ambienti cloud

Riunire i punti di forza per fornire un approccio standardizzato alla gestione delle operazioni IT attraverso provider cloud di terze parti.

È questo il succo della rinnovata partnership tra IBM e ServiceNow che, in un comunicato congiunto, hanno annunciato di aver esteso la propria alleanza per aiutare le aziende a semplificare la gestione delle proprie risorse IT nei diversi ambienti cloud.

Nello specifico, l’ampliamento della partnership prevede che IBM fornirà la sua piattaforma di gestione Multicloud con le capacità di Service Management e IT Operations Management di ServiceNow.

Verso servizi di gestione integrati
Non solo. Sempre IBM includerà IBM Multicloud Manager progettato per fornire alle organizzazioni la possibilità di modernizzare le applicazioni di Kubernetes in diversi ambienti cloud.

In tal senso è chiaro lo sforzo di Big Blue di muovere verso il cloud ibrido aziendale con l’intento di aiutare le aziende a sfruttare appieno il valore dei loro investimenti IT.

Ne è convinta ServiceNow per la quale, la combinazione della propria gestione dei servizi IT e delle operazioni IT di livello mondiale con le soluzioni innovative di IBM per il cloud ibrido stiano davvero trasformando il modo in cui le persone lavorano.