Durante il periodo analizzato nel “2013 State of the Enterprise Cloud Report”, l’utilizzo di storage cloud-based è aumentato del 90% e quello di memoria cloud-based del 100%

Il 2013 State of the Enterprise Cloud Report, che attinge a dati di Verizon relativi al periodo gennaio 2012 e giugno 2013, studia lo stato attuale dell’adozione del cloud e i trend di utilizzo, analizzando sia come le aziende implementano tecnologie cloud, sia cosa le aziende stesse richiedono ai servizi cloud di livello enterprise. Il report valuta i fattori che trainano l’adozione del cloud, la crescita della domanda di macchine virtuali, memoria e storage, e le aspettative per il futuro.
I risultati del report sono significativi: durante il periodo analizzato, l’utilizzo di storage cloud-based è aumentato del 90% e quello di memoria cloud-based del 100%. Verizon ritiene che tale risultato sia dovuto principalmente allo spostamento di applicazioni business-critical nella “nuvola”. Allo stesso tempo, le aziende sono alla ricerca di metodi per incrementare l’efficienza delle soluzioni, in altre parole come ottenere maggiore capacità di memoria e storage da ogni macchina virtuale implementata. Ciò ha comportato che queste ultime sono aumentate solo del 35% nello stesso periodo.
Le aziende hanno già spostato attività di sviluppo e di test e stanno utilizzando il cloud per applicazioni di business critiche ed external-facing. Secondo i dati raccolti dall’azienda americana, le applicazioni di produzione ora rappresentano il 60% di utilizzo del cloud.
Con l’aumento delle applicazioni critiche, up-time e disponibilità sono fondamentali. La sicurezza ed i relativi requisiti di conformità stanno portando alla nascita di cloud ibridi sia nelle aziende, sia nel settore della pubblica amministrazione, e richiedono maggiore attenzione ai data center dei cloud provider. 

Ciò che appare chiaro dal report è che le aziende hanno visto quali benefici il cloud è in grado di offrire, sia in termini di efficienza sia di costi, e adesso sono pronte a migrare un numero sempre maggiore di applicazioni mission-critical verso le infrastrutture cloud-based. Tuttavia, affinché ciò possa avverarsi, i cloud service provider devono offrire sicurezza e disponibilità di livello enterprise.