Polycom dà sicurezza alla Nato

La Science Applications International Corporation sta installando i componenti della Polycom RealPresence Platform in tutte le principali sedi della Nato in Europa e Nord America

Polycom ha annunciato che la sua Polycom RealPresence Platform sta svolgendo il ruolo di backbone al centro di un ambiente di video collaborazione sicura per i membri dell’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico (Nato), l’alleanza dei 28 Paesi Europei e Nord Americani concentrati nei campi della difesa, della sicurezza e della gestione delle crisi.

La Nato sta semplificando i processi decisionali e la comunicazione tra culture sostanzialmente diverse, risparmiando ore o addirittura giorni di tempo dovuti agli spostamenti per gli incontri, sostituendo lunghi viaggi con pratici video meeting, e preservando altresì il bilancio.
Polycom è diventata la piattaforma di video collaborazione scelta per i lavoratori e i delegati che si incontrano regolarmente faccia a faccia per negoziare in modo confidenziale missioni diplomatiche, organizzare interventi umanitari, e pianificare azioni di Response Force ovunque i membri dell’Organizzazione siano a rischio. Questo t
ramite un contratto assegnato alla Science Applications International Corporation (Saic), che sta installando i componenti della Polycom RealPresence Platform in tutte le principali sedi della Nato in Europa e Nord America.
Inoltre, gli amministratori di rete possono utilizzare la
Polycom RealPresence Video Collaboration Server per introdurre sia la classificazione altamente sicura “Nato Secret” rivolta alle comunicazioni confidenziali, che le “comunicazioni Nato non classificate” per le riunioni meno sensibili, come ad esempio la pianificazione delle risorse, la formazione, o altre attività amministrative. Utilizzando le soluzioni firewall traversal gli amministratori di rete possono abilitare gli utenti desktop o mobile, consentendo loro di partecipare alle riunioni senza mettere la rete della Nato a rischio.

Altra caratteristica di Polycom è, ad esempio, la capacità di generare sottotitoli codificati, che garantiscono una comunicazione efficace ai membri della Nato, anche nel caso in cui alcuni partecipanti siano non udenti o necessitino di didascalie per comprendere appieno ciò che viene detto.
“Una comunicazione precisa e chiara è essenziale quando i rappresentanti di 28 diversi paesi e culture affrontano questioni centrali per la loro difesa collettiva; tuttavia tali comunicazioni devono essere attendibili e affidabili per ridurre i rischi di falle nella sicurezza riconducibili ai nuovi modi di lavorare”, ha spiegato Gus Mommers, Center Head, Conference Management Services alla Communications and Information (Nci) Agency della Nato.

Una scheduling application realizzata con myVRM, Technology Partner di Polycom / Saic, permette agli utenti autorizzati di pianificare riunioni di video in base alla classificazione di sicurezza dei locali e degli endpoint video disponibili in un dato momento.  L’interoperabilità di Polycom con Microsoft Lync, (ampiamente utilizzato negli gli ambienti Nato) rende anche più facile per il personale organizzare o partecipare ad un video meeting, passare al volo da una chiamata vocale a una chiamata video, e molto altro ancora.

“Il lavoro della Nato richiede cooperazione e collaborazione, e quindi la possibilità di incontrare altre persone face-to-face, sempre e ovunque, è un vantaggio strategico – ha dichiarato Mark Escobar, Saic Department of Defense Agencies and Commands Group Senior Vice President – .Le soluzioni Polycom soddisfano i requisiti della Nato in termini sicurezza, interoperabilità, e facilità d’utilizzo. In combinazione con il sistema di scheduling, l’ambiente di collaborazione Polycom permette all’organizzazione internazionale di concentrarsi pienamente sul proprio lavoro, e non sulla tecnologia necessaria perché esso  possa essere svolto adeguatamente”