Sì ai device mobili in azienda, ma quanti rischi!

Da un’indagine svolta da Kroll Ontrack emergono dati inquietanti riguardo le attitudini, sia delle aziende che dei dipendenti, nell’uso che si fa degli strumenti dati in dotazione

Ѐ un quadro a tinte chiaroscure quello che una recente indagine svolta da Kroll Ontrack dipinge a proposito del rapporto delle aziende italiane con i dispositivi mobili e con le connesse strategie di It security.

Il campione analizzato è formato da dipendenti di aziende di tutte le dimensioni con prevalenza della piccola media impresa (72,7%) e a seguire da quella grande (18%), dislocate sul territorio italiano al 57,7% al nord e 42,3% tra centro e sud e appartenenti ai settori dell’It e delle telecomunicazioni, delle banche e assicurazioni, della pubblica amministrazione, sanità e farmaceutica, energia, industria e servizi.
Secondo l’indagine il 75% delle strutture fornisce ai propri assunti o collaboratori un device mobile, smartphone e/o notebook (84,8%) o di un tablet (43,8%). Nonostante questo dato positivo che mette il luce la tendenza dell’impresa italiana a cogliere le opportunità dell’innovazione con investimenti rivolti all’acquisto di tecnologie, i risultati mostrano degli elementi inquietanti dal punto di vista delle attitudini, sia delle aziende che dei dipendenti, nell’uso che si fa degli strumenti dati in dotazione. Infatti, la salvaguardia del dispositivo e la conseguente tutela del dato aziendale potrebbe diventare un elemento cruciale se si pensa che tra i dipendenti beneficiari dei mobile tool, l’83% afferma di farne un uso per scopi strettamente personali.
Ma quali sono gli ambiti in cui gli individui utilizzano i device mobili?
Al primo posto troviamo la navigazione in Rete e la consultazione della posta elettronica (96,7% e 94,6%) seguite dall’archiviazione di materiale fotografico (35,2% dei casi) o per attività più ludiche come il gioco, guardare film o ascoltare musica (27,2%). La questione si fa più stridente quando il 69% degli intervistati dichiara di scaricare programmi o applicazioni sul proprio device. Inoltre, la zona grigia si amplia quando oltre il 27% del campione ammette di lasciare in mano a seconde persone il proprio mezzo, in particolar modo ai figli (22%). A questo aspetto va aggiunto che circa il 20% degli intervistati si è trovato a fare i conti con lo smarrimento, il danneggiamento o non funzionamento del dispositivo che gli è stato messo a disposizione dall’azienda.

Con questa premessa, se il dipendete o collaboratore è indisciplinato, l’azienda cosa fa per tutelare i propri mezzi e le informazioni? Poco. Infatti, il 57% delle imprese non pone o non comunica adeguatamente regole o limitazioni specifiche per l’uso, mentre il 37% non impiega neanche una soluzione di sicurezza. Il dato più allarmante è che il 48% delle aziende non è in grado di quantificare l’entità di un danno eventualmente provocato dall’uso scorretto dei dispositivi affidati ai loro dipendenti.