La società ha presentato al vertice della gamma switch router core ad alta densità il modello MLXe con porte 100GbE IEEE e progettato per le esigenze di carrier come di grandi aziende per il supporto di data center virtualizzati, applicazioni multimediali ed erogazione di servizi in modalità cloud. Il nuovo router ha un backplane da oltre 15 Tbps per supportare fino a 32 slot per porte (fino a un massimo di 256 da 10Gbps); aggregazioni di porte con flussi fino a 1TBps e throughput che arrivano a 4,8 miliardi di pacchetti al secondo con l’IPv6.

Secondo i responsabili di Brocade MLXe ha costi competitivi rispetto a unità della medesima classe, oltre alla compatibilità con le schede con i modelli NetIron MLX e XMR per semplificare aggiornamenti e migrazioni. Unità MLXe sono oggi “in produzione” presso l’Amsterdam Internet Exchange: tra i più grandi hub mondiali di Internet. In linea con la strategia “Brocade One” per la convergenza e di semplificazione delle reti (la grande scommessa tecnologica lanciata dalla società di networking) è stata presentata la piattaforma Network Advisor che promette di unificare la gestione di reti IP con quelle storage Fibre Channel (SAN), Fibre Channel Over Ethernet, wireless, e Multiprotocol Label Switching.

Network Advisor sarà disponibile da novembre e mira a facilitare e ottimizzare la gestione di reti convergenti, migliorando la visibilità per gli operatori. Una ulteriore componente fondante della strategia di Brocade per il data center VCS (Virtual Clustering Switching) sarà rilasciata nel corso dei prossimi mesi.