• BitMat
  • CBR
  • Linea EDP
  • ITIS
  • Top Trade

Threat prevention: Check Point conquista anche il Data Center

block

di Redazione LineaEDP

L’azienda lancia le soluzioni 15000 e 23000 per una threat prevention completa, senza sacrificare le performance
, ,

I nuovi hardware 15000 e 23000 di Check Point Software Technologies, fornitore specializzato in soluzioni di sicurezza, sono stati ideati appositamente per innalzare i livelli di cybersicurezza e protezione, tra cui quella contro i malware zero-day, per salvaguardare tutta l’azienda dalle minacce attuali e future.

I cybercriminali sferrano attacchi sempre più sofisticati, rappresentando una sfida per l’efficacia delle soluzioni di sicurezza tradizionali. Stando a un recente Security Report di Check Point, ogni ora vengono scaricati più di 106 malware sconosciuti, e il dato è in crescita. Eppure, il report ha evidenziato che soltanto una piccola percentuale delle aziende utilizzano tecnologie innovative per prevenire gli attacchi zero-day, soprattutto a causa di preoccupazioni riguardo le performance e le tempistiche di funzionamento.

Per prevenire i cyberattacchi, le aziende di tutte le dimensioni devono adattare la propria infrastruttura rafforzandola, velocizzandola e rendendola più sofisticata”. “Inserendo lo spettro completo della threat prevention a livello del data center, le soluzioni di Check Point 15000 e 23000 forniscono ai responsabili dei reparti IT gli strumenti necessari per essere fiduciosi e mantenersi un passo avanti rispetto alle minacce informatiche avanzate, attuali e future”, afferma Gabi Reish, Vice President of Product Management di Check Point.

Le nuove soluzioni di Check Point 15000 e 23000 tutelano le aziende di alto livello e le reti dei data center unendo la threat prevention con una piattaforma dedicata, che gestisce le richieste di sicurezza senza però alcuna ripercussione sulle performance o sui tempi di funzionamento. Le nuove soluzioni comprendono:

•          - Accesso alla threat prevention. Contro le minacce attuali, che richiedono tecnologie di ultima generazione, mirate a bloccare gli attacchi prima che si sviluppino, le nuove soluzioni sono dotate di firewall integrato, sistema di prevenzione delle infrazioni (IPS), anti-bot, antivirus, controllo delle applicazioni, filtro delle URL e della vincente tecnologia sandboxing Check Point SandBlast. 

•         – La soluzione più scalabile e solida, per soddisfare la richiesta crescente di criptaggio dei dati. Consentendo ai reparti IT di esaminare l’intero flusso di traffico criptato (secure socket layer, o SSL) senza per questo sacrificare le performance, questi prodotti offrono l’anticipazione di molti attacchi contro le aziende, che possono derivare dai dati criptati.

•         – Una piattaforma con una tecnologia a prova di futuro, per anticipare i rischi di domani. Attraverso principi di progettazione innovativa, come la ridondanza comprensiva, la connettività delle reti flessibili (rame e fibra), la fornitura facile attraverso la gestione out-of-band e l’espansione a 40G per gestire il volume dei dati in aumento, questi prodotti sono progettati per vincere le sfide attuali, pur gettando delle basi solide per la sicurezza del futuro.

© Riproduzione Riservata

Commenti:

0 commenti riguardanti Threat prevention: Check Point conquista anche il Data Center

Lascia un Commento

I miei articoli

Seguici       •             |      Registrati