Check Point estende la sicurezza vSEC ad Azure Stack

Per i clienti questo significa maggiore flessibilità di rete e controllo, per uno spostamento sicuro dei dati verso il cloud ibrido di Microsoft

Check Point Software Technologies ha annunciato che la soluzione vSEC per la sicurezza nel cloud di Microsoft Azure ora supporta anche Azure Stack.
L’intento è chiaro e mira a offrire al mercato un solido livello di sicurezza in tutti gli ambienti cloud pubblico e ibrido di Azure.

In qualità di partner certificato Microsoft Azure, Check Point permette, infatti, ai clienti di proteggere senza interruzioni tutti gli asset di Azure e i carichi di lavoro, grazie alla sua soluzione di punta, fornendo una connettività sicura tra le reti on-premise e gli ambienti cloud di Azure.

In questo modo, come sottolineato in una nota ufficiale da Itai Greenberg, Head of Cloud Security Business di Check Point: «vSEC offre una totale threat prevention e una completa visibilità di tutte le minacce sia negli ambienti fisici, sia in quelli virtuali, aiutando così le aziende a migrare in modo sicuro agli ambienti cloud. La compatibilità con Azure Stack permetterà ai nostri clienti di aumentare la propria flessibilità di rete e il proprio controllo, adottando struttura, processi e strumenti in linea con lo sviluppo di applicazioni e la sicurezza».

vSEC arricchisce i controlli nativi di Azure
La rapida adozione delle tecnologie cloud da parte delle imprese di tutte le dimensioni sta portando sempre di più i dati oltre i controlli tradizionali di sicurezza gestiti in modalità on premise. Il raggiungimento di una posizione solida di sicurezza in una rete sempre più diversificata e distribuita crea una serie di nuove sfide. Check Point e Microsoft hanno lavorato molto in passato sullo sviluppo di soluzioni che aiutano le imprese ad adottare in modo sicuro le ultime tecnologie e far crescere il proprio business.

Un unico pannello di controllo per cloud pubblici e privati
Check Point vSEC estende la sicurezza avanzata e multisfaccettata per proteggere i dati e gli asset presenti nel cloud dai malware e dalle altre minacce sofisticate. Progettato tenendo conto della natura dinamica degli ambienti Azure, vSEC assesta automaticamente le policy in base ai cambiamenti nell’ambiente cloud utilizzando i dati contestuali di VM, gruppi, tag e altri oggetti definiti di Azure. Ciò garantisce una maggiore protezione in termini di sicurezza, adattata alle varie esigenze dell’ambiente. Inoltre, vSEC segue senza sosta i carichi di lavoro e i dati dal cloud pubblico di Azure in ambienti Azure Stack, arricchendo i controlli nativi di Microsoft e offrendo protezione, esecuzione, registrazione e reporting.
Il tutto da un’unica console di gestione.

Per Mark Jewett, Senior Director, Azure Hybrid Product Marketing di Microsoft: «Come un’estensione di Microsoft Azure, Microsoft Azure Stack offre una soluzione cloud ibrida che permette ai clienti di ottimizzare i propri investimenti in ambienti cloud e on-premise. Siamo entusiasti che Check Point continui a portarci la sua competenza in materia di sicurezza per aiutare i nostri clienti a migliorare la sicurezza delle reti ibride».