ChallengerOS, il sistema operativo specifico per il recupero dei dati

Recovery Italia ha ideato un sistema universale, per ogni tipo di utente, per accedere alle periferiche disco di qualsiasi computer senza la necessità di disassemblarlo

ChallengerOS è un sistema operativo di base Linux progettato per essere eseguito su qualsiasi computer x86, desktop, portatili, Apple, Server, SAN in modalità live o persistente.

Il sistema è stato progettato nei laboratori di recupero dati di Recovery Italia, con l’obiettivo di realizzare un sistema universale, per accedere alle periferiche disco di qualsiasi computer, senza la necessità di disassemblarlo.

Tali caratteristiche lo rendono uno strumento eccezionale per tutti i casi di acquisizione dati da netbook, ultrabook, computer all-in one , macbook, iMac, nei quali il disassemblaggio del drive da recuperare o da acquisire può essere difficoltoso o sconveniente.

ChallengerOS è inoltre in grado di riconoscere automaticamente qualsiasi hardware collegato al computer  senza necessità di installare driver di periferica.

Perchè ChallengerOS è preferibile a qualsiasi altro sistema live

ChallengerOS è stato progettato e configurato per un utilizzo di daemons ridotto al minimo essenziale, condizione fondamentale per il trattamento di dispositivi danneggiati o degradati.

Semplicemente collegando un hard disk danneggiato, il sistema non “tenta” di accedere al disco in modo autonomo, nè compie alcuna attività, lasciando all’utilizzatore il controllo totale delle periferiche.

I dispositivi funzionanti, invece, potranno essere utilizzati al massimo delle proprie capacità, per prestazioni da record.

Cosa è possibile eseguire con ChallengerOS

ChallengerOS offre la possibilità di eseguire operazioni di diagnostica in modalità visuale e di recupero dati da qualsiasi dispositivo danneggiato, che sia in grado di inizializzarsi e rispondere a comandi di tipo ATA o SCSI.

Il sistema operativo è dotato di uno speciale pacchetto integrato in grado di accedere alle periferiche disco collegate al computer, in modalità fisica, inviando quindi comandi diretti al drive.

Il software integrato consente agli utilizzatori, di eseguire diagnostica professionale delle periferiche a blocchi e l’estrazione diretta dei dati da diversi tipologie di filesystem oltre ad offrire molti strumenti per analisi ed acquisizione forense.

Come eseguire ChallengerOS

Per l’esecuzione di ChallengerOS è necessario masterizzare la ISO ufficiale su DVD e far partire il proprio computer selezionando come drive di partenza l’unità ottica.

Il sistema operativo si inizializzerà in modo completamente automatico senza alterare in alcun modo i dati o i dispositivi collegati al computer su cui viene eseguito.

ChallengerOS per il recupero dei dati Fai Da Te

ChallengerOS offre la possibilità anche ad utenti non formati, di recuperare i dati dal proprio hard disk drive danneggiato in modo autonomo, perfezionando un clone o una immagine del dispositivo danneggiato e di recuperare in modo semplice ed intuitivo file e cartelle con la propria struttura originale.