L’attacco ransomware ai danni di Colonial Pipeline ha costretto la società a chiudere uno dei più grandi oleodotti degli Stati Uniti. Secondo Reuters, si tratterebbe di uno degli attacchi ransomware più gravi e dirompenti mai segnalato: la Casa Bianca sta lavorando con Colonial Pipeline per ristabilire il funzionamento della rete il più presto possibile.

Max Heinemeyer, Darktrace

A parere di Max Heinemeyer, Director of Threat Hunting di Darktrace: «È ormai evidente come gli approcci tradizionali alla sicurezza dei sistemi di controllo industriale non siano più sufficienti e l’attacco ransomware a Colonial Pipeline dovrebbe essere un segnale chiaro per tutti i fornitori di infrastrutture critiche nazionali nel mondo».

Sempre secondo Heinemeyer: «Se è vero che l’incidenza delle minacce ransomware sta aumentando in tutti i settori, l’aggravante nell’industria Oil & Gas è che un attacco di questo tipo non solo causa interruzioni diffuse e blocchi forzati, ma rischia di mettere in pericolo anche l’ambiente, per non parlare delle vite umane!».

Infine: «Di per sé il ransomware è un metodo di attacco molto comune, caratterizzato dalla presenza di malware che si spostano rapidamente all’interno delle organizzazioni colpite per disabilitarne i sistemi e criptare i file a una velocità che supera di gran lunga quella umana. E qui è il punto dolente, non si tratta più di un problema affrontabile su scala umana; per combattere con successo questo tipo di attacchi è necessario che le organizzazioni utilizzino le tecnologie autonome e l’IA in grado di rilevare e bloccare tempestivamente la minaccia prima ancora che questa si evolva in un vero e proprio attacco».