Il sistema di rilevamento delle minacce basato sull’autoapprendimento di Enterprise Immune System è stato esteso anche agli ambienti cloud di terze parti

darktrace

Darktrace, specialista nella tecnologia Enterprise Immune System, ha esteso il suo sistema di rilevamento delle minacce basato sull’autoapprendimento anche agli ambienti cloud di terze parti.

L’Enterprise Immune System di Darktrace è quindi ora in grado, grazie alla presenza di “agenti” (OS-sensors) che monitorano il traffico di rete, di controllare tutto il flusso di informazioni che scorre all’interno del cloud, oltre a quello presente all’interno della rete fisica, e di estendere così la sua protezione dalle minacce, proattiva e non basata su regole o firme, agli ambienti virtualizzati – inclusi i servizi cloud offerti da leader del settore come Amazon Web Services, Google Cloud Platform, Rackspace e Microsoft Azure.

Darktrace si basa su una nuova tecnologia di protazione dati, Enterprise Immune System. Essa rappresenta una nuova era nella cyber defense basata sull’autoapprendimento grazie al riconoscimento avanzato e in tempo reale delle minacce interne ed esterne all’interno delle reti. La tecnologia, grazie al machine learning e alle formule matematiche sviluppati all’università di Cambridge, apprende proattivamente il comportamento “normale” di ogni dispositivo, utente e rete, in modo da poter identificare anche minimi cambiamenti all’interno di tutta l’organizzazione, senza necessità di ricevere istruzioni o definire preventivamente delle regole.