I 4.000 dipendenti pubblici del Comune disporranno dei più moderni strumenti di comunicazione per migrare verso una modalità di lavoro più flessibile

firenze

Il Comune di Firenze ha scelto le tecnologie collaborative di Microsoft per fare il primo importante passo verso la digitalizzazione dei servizi pubblici.

Il processo di cambiamento è stato avviato a partire dal 2014, quando è scaturita l’esigenza di semplificare i modelli di lavoro e collaborazione interni e, in generale, di agevolare una maggiore flessibilità rispetto all’elevata complessità nelle operazioni di configurazione, di gestione, di aggiornamento e, in generale, di attivazione delle nuove funzioni desiderate, che caratterizzava le infrastrutture tecnologiche preesistenti. Questo ha portato a valutare una svolta tecnologica verso una soluzione in grado di assicurare un più alto livello di efficienza, innovazione, interazione, collaborazione e maggiori funzionalità.

In linea con i punti principali della Riforma della PA attualmente in gestazione, le piattaforme digitali possono infatti abilitare un reale scenario di semplificazione dei processi di gestione interni e portare conseguentemente ad un maggiore orientamento al cittadino ed efficientamento in termini di servizi offerti. In quest’ottica il Comune di Firenze ha scelto di puntare sull’innovazione adottando in particolare Microsoft Office 365: un’evoluzione che non è limitata alla sola posta elettronica, ma si concretizza, per l’Ente, in una suite completa ed integrata di servizi per l’ufficio e la collaborazione, dedicati all’incremento di produttività e efficienza.

Gli oltre 4000 dipendenti del Municipio toscano potranno infatti beneficiare di un servizio cloud in grado di rispondere alle nuove esigenze dell’amministrazione, di generare efficienze in termini di contenimento delle spese di manutenzione, dei costi/tempi di trasferta per le riunioni tra enti pubblici, godendo al contempo di funzionalità aggiuntive di comunicazione integrata e collaborazione capaci di inaugurare un nuovo modo di lavorare, in una logica di Smart Working. Sarà infatti possibile usufruire dell’aggiornamento costante senza costi aggiuntivi, avere ampi margini di autonomia da parte dei dipendenti grazie all’intuitività delle tecnologie, usare le soluzioni anche in mobilità, da qualunque posto ed in qualunque momento, potendo contare su un backup sicuro e sulla scalabilità trasparente della soluzione, avere garanzia di compliance rispetto a sicurezza e privacy in linea con gli standard europei e utilizzare modalità di comunicazione e collaborazione evolute come chat, conferenze virtuali, condivisione di documenti e social network interni come Skype for Business.

Tutto questo a vantaggio finale dell’interazione tra le decine di sedi dell’Amministrazione e della risposta alle esigenze di tutti i dipendenti.