La partnership permetterà di soddisfare le esigenze di carrier e clienti che necessitano sempre più spesso di soluzioni multivendor integrate e precollaudate basate su architetture aperte

limportanza-della-trasformazione

Samsung Electronics e Hewlett Packard Enterprise hanno annunciato una partnership che metterà a disposizione dei carrier soluzioni per VNF (Virtual Network Functions) e infrastrutture NFV (Network Functions Virtualization). La collaborazione tra le due aziende permetterà di soddisfare le esigenze di carrier e clienti che necessitano sempre più spesso di soluzioni multivendor integrate e precollaudate basate su architetture aperte.

La nuova partnership combina due soluzioni best-in-class associando le competenze di Samsung nelle reti carrier con quelle di HPE nelle telecomunicazioni IT. Insieme, le soluzioni aiuteranno i carrier ad accelerare la trasformazione da reti basate su appliance monolitiche proprietarie a reti cloud-based più agili con NFV.

Samsung è convinta di poter mantenere il proprio ruolo pionieristico nel proporre le tecnologie avanzate necessarie a promuovere il mercato di nuova generazione, come le infrastrutture NFV basate su un ecosistema aperto”, ha dichiarato Woojune Kim, Vice President and Head of Strategy Group del Next Generation communication Team di Samsung Electronics. “Vediamo notevoli potenzialità nel partecipare all’iniziativa HPE OpenNFV Partner Program per assicurare ai carrier ampia libertà di scelta nella selezione di provider NFV, con la soluzione NFV comprovata a livello commerciale che abbiamo sviluppato nel 2015”.

“HPE e Samsung hanno già collaborato con successo nello sviluppo di progetti NFV per supportare i communication service provider a trasformare le loro reti di vecchia generazione in ambienti cloud telco agili, in grado di soddisfare le sempre crescenti esigenze dei clienti riducendo i costi”, ha commentato Werner Schaefer, Vice President & General Manager, NFV, HPE. “La formalizzazione della partnership con Samsung ci consentirà di ampliare ulteriormente le nostre capacità di offrire benefici NFV all’ecosistema CSP”.