AT&T sceglie HPE per il data management degli abbonamenti cloud-based

Grazie all’utilizzo dell’ambiente cloud virtualizzato HPE, AT&T offre ai propri clienti servizi mirati e più efficaci spostando le funzioni core network dall’hardware fisico al cloud

Hewlett Packard Enterprise è stata scelta da AT&T, compagnia telefonica statunitense, per la fornitura di soluzioni SDM per la gestione su cloud dei dati relativi ai propri abbonati.

Le soluzioni SDM (Subscriber Data Management) permettono ai CSP (Communications Service Provider) di consolidare e gestire i dati relativi a dispositivi e abbonati attraverso una singola repository unificata: ciò consente di semplificare le topologie di rete, evitare duplicati ed eventuali incoerenze nei dati. Inoltre, offre ai CSP maggiore semplicità e velocità a prezzi moderati, crea nuovi servizi personalizzati grazie all’accesso semplificato ai dati degli utenti, e permette di beneficiare di ulteriori opportunità di guadagno per singolo utente attraverso proposte sempre più personalizzate.

“I progressi compiuti in ambito NFV rendono possibile virtualizzare le funzioni core network concretizzando rapidamente i vantaggi del cloud telco per i CSP – ha commentato Dave Sliter, Vice President e General Manager, Communications Solutions Business di HPE -. La trasformazione che vede AT&T passare dall’hardware fisico alla soluzione cloud SDM di HPE metterà a disposizione un’architettura altamente scalabile, affidabile e flessibile basata su standard, in grado di supportare un ecosistema di servizi variegato e in costante evoluzione per aiutare a semplificare l’IT ibrido”.

“HPE I-HSS è un elemento importante nel programma di AT&T per la virtualizzazione e la migrazione delle funzioni di rete che operano su software AT&T Integrated Cloud (AIC) che utilizza apparati standardizzati ed efficienti”, ha dichiarato Paul Greendyk, Vice President, Mobile Core & Network Services di AT&T.