Il Data Center è composto da persone

Giuseppe De Luca, amministratore di Keliweb, ci ha raccontato la realtà di un Data Center realizzato in Calabria, dove si fondono tecnologia e supporto diretto ai clienti

Da noi rispondono le persone”. Giuseppe De Luca, amministratore di Keliweb, sintetizza in poche parole l'offerta dell'Hosting Provider che, dalla Calabria, si sta espandendo in tutta Europa

 

Quando si guarda la pagina Internet di un Hosting Provider, le offerte sembrano tutte uguali e l'unica differenza appare legata al prezzo. Ma è davvero così?

In una prima fase, il prezzo potrebbe apparire l'unica discriminante, poiché tutti i Data Center si dicono affidabili, veloci e sicuri. Caratteristiche che, fra concorrenti di fascia alta, sono sicuramente simili. La differenza è data DeLucadall'esperienza delle persone, dalla loro competenza e dalla loro disponibilità nel supportare i clienti. Per questo noi di Keliweb siamo stati il primo Hosting Provider italiano a fornire una chat per permettere all’utente di dialogare direttamente con un operatore umano. Perché un cliente, quando contatta un il proprio fornitore di domini e hosting, ha la necessità di ricevere immediatamente assistenza. Inoltre, proprio per garantire un adeguato supporto, i nostri tecnici sono italiani e, quindi, parlano la stessa lingua dei clienti, superando anche le barriere linguistiche. Il tutto senza dimenticare che la vicinanza fisica dei server riduce i tempi di latenza e, di conseguenza, migliora l'indicizzazione SEO, in quanto Google premia i siti più veloci.

 

Ma quali sono le richieste dei vostri clienti?

Un servizio di assistenza come il nostro, attivo 24h x 365 giorni all’anno, deve essere in grado di supportare i clienti negli ambiti più svariati, sia con consigli telefonici, sia intervenendo personalmente. Anche chi ha puntato su un piano hosting economico e ha un piccolo sito viene guidato dai nostri tecnici che garantiscono supporto sistemistico a qualunque livello. Molti clienti, con noi, hanno iniziato con piccoli siti per poi far crescere l'infrastruttura informatica insieme al proprio business, arrivando a servirsi di soluzioni semidedicate come il Cloud Hosting o acquistando direttamente un Server Dedicato.
Anche noi siamo cresciuti con loro, arrivando a essere il terzo provider italiano, apprezzato anche da grandi aziende.

 

Uno degli aspetti più caratteristici di Keliweb è la sua posizione geografica: nel cuore della Calabria. Come avete conquistato le grandi aziende del nord Italia?

La qualità dei servizi hosting, oltre all'assistenza, è sicuramente la chiave del successo dell'unico grande Data Center attivo nel Sud Italia. Inoltre, la Calabria ha un'ottima connettività e questo ci permette di erogare i servizi in modo ottimale. Al punto che, un anno fa, abbiamo dovuto creare un nuovo Data Center ancora più capiente del precedente, ridondato a Milano, in Francia e in Germania. Questo ci ha permesso di compiere anche un autentico balzo dal punto di vista tecnologico. Infatti, partendo dal green field, abbiamo adottato le tecnologie più innovative, a partire dalla tripla connettività, proveniente da aree geografiche diverse, per arrivare sino ai sistemi di prevenzione degli attacchi DDoS che, nei mesi scorsi, hanno mandato in crisi alcuni grossi Hosting Provider anche all'estero. Inoltre abbiamo un'elevata attenzione all'ambiente. Infatti il nostro tetto è interamente coperto da pannelli fotovoltaici. Una peculiarità che ci permette, tutti i giorni, di utilizzare la nostra energia autoprodotta dalle 10 alle 18.

 

A fronte di queste caratteristiche, quante persone lavorano nel Data Center di Keliweb?

Il numero è congruo a quelle che sono le attuali esigenze dell’azienda. Trattandosi di un Data Center in cui devono essere gestiti servizi web hosting e anche soluzioni più performanti come Server Dedicati e VPS, è chiaro che molti dei nostri dipendenti sono sistemisti.

Non voglio apparire noioso parlando di numeri e cifre, posso solo dire che il nostro Data Center è altamente automatizzato e tutti i parametri sono monitorati costantemente.

 

I tecnici del vostro staff sono gli stessi che si occupano anche delle migrazioni dei clienti provenienti da un diverso Hosting Provider?

Sì, il gruppo di lavoro è lo stesso e, tipicamente, un cliente ha sempre lo stesso interlocutore aziendale. Questo perché la migrazione è estremamente semplice e automatizzata. Abbiamo infatti predisposto un tool che permette al cliente di inserire gratuitamente e autonomamente i propri dati, mentre l'intero trasferimento sui nostri server avviene con modalità automatizzate. Il 99% dei siti possono infatti essere trasferiti con questa modalità.

 

Negli altri casi, invece, cosa succede?

A fronte di siti molto complessi o pesanti, un nostro tecnico si occupa di gestire la migrazione ed effettuare tutte le prove e le verifiche di funzionamento. Se il cliente ha un DNS, il trasferimento per siti sino a 10 GB avviene senza interruzioni del servizio e ad un costo di soli 60 euro.

Esistono poi casi molto più complessi, nei quali siamo in grado di garantire tutto il supporto per qualunque esigenza. Il tutto mettendo sempre a disposizione una stessa persona, in grado di supportare il cliente in tutte le operazioni e attraverso un contatto telefonico diretto.

 

Lei insiste molto sul rapporto diretto. Ma qual è il reale vantaggio di tutto questo, rispetto a società che offrono uno staff tecnico più numeroso del vostro?

In un mondo digitale, spesso recepito come impersonale e asettico, noi rispondiamo con le persone. Quando un cliente decide di effettuare la registrazione dominio e di acquistare un piano web hosting, sa che le prestazioni dei servizi proposti dagli Hosting Provider sono sostanzialmente tutte uguali. La differenza sta però nel come vengono affrontati i momenti di difficoltà.

Di solito capita che quando un cliente ha un problema deve aprire un ticket, attendere di ricevere informazioni via mail, ricontattare il servizio clienti, attendere in linea… tutto questo comporta tempi lunghi, che si traducono spesso nell'impossibilità di erogare i propri servizi.
Con Keliweb, invece, il cliente chiama direttamente il proprio tecnico di riferimento, che interviene subito sul problema. Questa è la differenza, che ci viene riconosciuta dai nostri clienti e che può essere verificata anche attraverso le recensioni pubbliche.

 

Guardando al futuro, quali saranno le vostre sfide?

Il mercato degli Hosting Provider è potenzialmente infinito, perché chiunque ha bisogno di un sito web. Noi vogliamo diventare leader in Italia, pur mantenendo il nostro contatto con le persone. Poi punteremo all'Europa, dove abbiamo già alcuni clienti. Quest'anno siamo stati l'unico Hosting Provider italiano al CeBit, un'esperienza che ci ha permesso di capire che nel nostro Paese manca ancora molta sensibilità in termini di sicurezza e Privacy. Basti pensare che noi siamo in grado di garantire anche la distruzione fisica dei dati, ma si tratta di un servizio che non viene quasi mai richiesto dalle aziende del nostro Paese.

 

La vostra crescita, però, non vi espone al rischio di perdere il contatto diretto con i clienti?

Keliweb è nato con questa caratteristica e non intendiamo assolutamente cambiare, anche perché i clienti apprezzano il servizio personalizzato. Per tale ragione continueremo a investire sulle tecnologie di automazione più innovative, che ci permettono di dedicare la competenza delle persone alle attività a reale valore aggiunto. In ogni caso la nostra è una crescita organica, che ci permette anche di “scegliere i clienti”, per continuare a garantire un servizio personale e di qualità.