Check Point offre protezione per gli ambienti serverless

Con l’acquisizione di Protego, l’azienda estende la leadership nella sicurezza cloud e amplia ulteriormente la piattaforma CloudGuard e l’architettura Infinity

Check Point Software Technologies ha annunciato l’acquisizione di Protego, una nuova società di tecnologia di sicurezza serverless. Con questa acquisizione, Check Point diventa il primo vendor del settore a possedere una soluzione di sicurezza consolidata per la cloud workload protection (CWPP) e la security posture management (CSPM), offrendo una sicurezza serverless continua unita a una protezione impareggiabile in termini di tempo di esecuzione e rafforzamento delle applicazioni.

Protego offre una tecnologia di sicurezza serverless che previene gli attacchi malevoli alle funzioni serverless durante l’esecuzione e impedisce che il codice vulnerabile venga distribuito nella fase di produzione.

La rapida adozione di tecnologie serverless, quali AWS Lambda, sta mettendo a dura prova gli esistenti modelli di sicurezza delle applicazioni e del cloud. Il passaggio alle applicazioni cloud-native implica molte vulnerabilità intrinseche e potenziali errori di configurazione che richiedono l’estensione della soluzione di sicurezza per proteggere le funzioni e il codice.

Check Point integrerà l’innovativa tecnologia serverless nella sua architettura Infinity, la soluzione di sicurezza consolidata e leader di mercato per supportare le reti, gli ambienti mobile, endpoint, IoT e cloud.

La piattaforma Check Point CloudGuard offre una sicurezza cloud coerente e completa per tutte le risorse in ambienti pubblici, privati, ibridi o multi-cloud. La soluzione viene ora estesa con la sicurezza serverless, fornendo al CISO piena visibilità, controllo e copertura di sicurezza completa per tutte le proprietà serverless con un semplice clic. La tecnologia di Protego si integra immediatamente con il più ampio set di framework CI/CD in modo che i team DevOps assicurino che solo le funzioni conformi siano distribuite alla produzione. Inoltre, i clienti apprezzano la nuova tecnologia per le sue innovative capacità IAM di rafforzamento e l’impatto minimo sulle prestazioni nella protezione serverless degli ambienti durante l’esecuzione.

La transazione dovrebbe concludersi nel quarto trimestre del 2019 e la tecnologia sarà integrata in Check Point Infinity nel primo trimestre del 2020.

Sicurezza cloud completamente integrata per Kubernetes e i servizi cloud Serverless

Nel frattempo, sempre Check Point ha annunciato di aver esteso le capacità della sua piattaforma di sicurezza cloud CloudGuard per supportare i servizi Kubernetes, incluso Amazon Elastic Kubernetes Service (Amazon EKS) e Amazon Elastic Container Service (Amazon ECS).

CloudGuard fornisce inoltre capacità di sicurezza aggiuntive per le soluzioni di computing Serverless di Amazon Web Services (AWS), inclusi AWS Lambda e i relativi servizi quali AWS Fargate, Amazon API Gateway, Amazon DynamoDB e Amazon Kinesis.

Come riferito in una nota ufficiale da Zohar Alon, Head of Cloud Products di Check Point: «Indipendentemente da quale risorsa cloud le aziende scelgono, è fondamentale che abbiano una visibilità e un controllo completi su di esse per soddisfare Cloud Workload Protection (CWPP) e Cloud Security Posture Management (CSPM). Questi miglioramenti in CloudGuard, inclusa la recente acquisizione di Protego, offrono potenti funzionalità CSPM e CWPP per l’intera implementazione del cloud aziendale, analizzando continuamente, rilevando eventuali errori di configurazione o problemi di sicurezza e correggendoli. In questo modo le organizzazioni possono sfruttare appieno l’agilità del cloud senza compromettere la propria sicurezza».