I buoni propositi del 2020 per un più corretto stile di vita digitale

Li enuncia Kaspersky a fronte dei risultati di un’indagine condotta online su 2.000 utenti europei di età superiore ai 18 anni

Nel 2020, quasi 1 utente su 2 ha intenzione di cambiare il proprio stile di vita digitale. Lo dicono i risultati di un’indagine firmata da Kaspersky e condotta tramite un sondaggio online da Arlington Research su 2.000 utenti europei di età superiore ai 18 anni.

Stando a quanto emerso, la maggior parte degli utenti punterà a ridurre il tempo trascorso in compagnia dei propri dispositivi tecnologici.

Quello appena concluso è stato un anno molto difficile per i dati personali degli utenti. Rispetto al 2018, il furto di password è aumentato del 60%, così come il numero di furti legati alle credenziali di accesso, in particolare quelli per accedere ai siti web per adulti aumentato di oltre il 100%.

In questo scenario, oltre la metà degli utenti di internet (56%) ritiene impossibile che nel mondo digitale moderno si possa parlare di privacy online. Un utente su tre (32,3%), infatti, ha dichiarato di non sapere come proteggere la propria privacy in rete. Non sorprende quindi che un nuovo sondaggio condotto da Kaspersky, abbia dimostrato che il 42,3% degli utenti metterà in pratica alcuni buoni propositi digitali per il 2020 che andranno ben oltre i più tradizionali “perdere peso e rimettersi in forma”.

Password più sicure e meno stress informatico

La ricerca di Kaspersky ha dimostrato che quest’anno gli utenti punteranno a mantenere standard più elevati di comportamento online per garantire la propria salute e privacy in rete e lo faranno adottando, per la prima volta, alcuni buoni propositi tra cui l’uso di password più sicure e la riduzione dei livelli di stress informatico.

I buoni propositi digitali per il 2020 riguardano prevalentemente la promessa a sé stessi di proteggere maggiormente la propria privacy digitale. L’indagine condotta da Kaspersky ha rivelato che ci sono molte aree in cui gli utenti desiderano apportare dei miglioramenti. Per il 29,1% degli utenti l’obiettivo per il nuovo anno sarà ridurre il tempo trascorso davanti ad uno schermo mentre per il 18,3% sarà quello di smettere di addormentarsi con lo smartphone accanto al cuscino.

Questi dati dimostrano come il desiderio di digital detox sia in continuo aumento. Un quarto degli intervistati ha scelto di eseguire più backup e di ripulire regolarmente il proprio desktop, mentre l’11,2% desidera cancellare tutti gli amici di Facebook mai incontrati di persona.

Da quanto emerso dall’indagine, uno stile di vita più cyber-savvy sarà uno dei trend del 2020.

6 consigli di Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky

Per proteggere gli utenti da ogni tipo di minaccia online e di aiutarli a ottenere il massimo dalla propria vita digitale senza che si debbano preoccupare della propria sicurezza in rete, Kaspersky incoraggia le persone a mettere in pratica alcuni buoni propositi a sostegno della propria privacy online e a seguire alcuni semplici passi per tenere al sicuro le informazioni digitali personali:

  1. Proteggere tutti i dispositivi utilizzati per le transazioni online – che siano bancarie, per gli acquisti online o per socializzare – applicando le patch e un software di sicurezza internet.
  1. Utilizzare una password unica e complessa per ciascun account online.
  2. Controllare attentamente le impostazioni per la privacy e la sicurezza e limitare ciò che può essere visto e condiviso.
  3. Disattivare le applicazioni e le funzioni quando non vengono utilizzate.
  4. Disattivare i servizi di tracking e localizzazione e cancellare regolarmente i cookie.
  5. Verificare l’e-mail con servizi come “Have I Been Pwned” per controllare che gli account non siano stati compromessi”.