Il mercato dei cambi (noto anche come FX o forex) è un mercato globale per lo scambio di valute nazionali tra loro

forex

Il commercio di valuta che è esploso negli ultimi anni ed è ora accessibile ai privati, è il più grande mercato finanziario del mondo.

Storia ed evoluzione del Forex

Il mercato dei cambi (noto anche come FX o forex) è un mercato globale per lo scambio di valute nazionali tra loro.

Il volume medio giornaliero di transazioni in valuta estera è stato di oltre 5,1 trilioni di dollari nel 2019.

A causa della portata globale del trading, i mercati dei cambi tendono ad essere i più grandi e liquidi del mondo. Secondo un recente rapporto triennale della BRI (una banca mondiale per le banche centrali nazionali), nel 2019 il volume medio giornaliero delle transazioni in valuta estera è stato di oltre 5,1 trilioni di dollari.

Le valute vengono scambiate tra loro sotto forma di coppie di tassi di cambio. Ad esempio, l’EUR/USD. I trader del mercato utilizzano il forex per coprire il rischio di perdita di valore di una valuta, per speculare su eventi geopolitici e per diversificare i loro portafogli, tra le altre cose.

Cos’è il mercato Forex?

Il mercato dei cambi è il luogo in cui vengono scambiate le valute. Le valute sono importanti per la maggior parte delle persone nel mondo, che se ne rendano conto o meno, perché le valute devono essere cambiate per condurre affari e commercio all’estero.

Se vivete negli Stati Uniti e volete acquistare il formaggio in Francia, voi o l’azienda da cui acquistate il formaggio dovete pagare il formaggio in Euro (EUR) ai francesi. Ciò significa che l’importatore statunitense dovrà scambiare il valore equivalente di dollari USA (USD) in euro.

Un turista francese in Egitto non può pagare in euro per vedere le piramidi perché non è la valuta locale accettata. Il turista deve quindi cambiare l’euro con la valuta locale, in questo caso la sterlina egiziana, al tasso di cambio corrente.

Un aspetto unico di questo mercato internazionale è che non esiste un mercato centrale per la valuta estera.

Il commercio di valuta viene effettuato elettronicamente over-the-counter (OTC), il che significa che tutte le transazioni vengono effettuate attraverso reti informatiche tra i trader di tutto il mondo, piuttosto che su una borsa centralizzata. Il mercato è aperto 24 ore al giorno, cinque giorni e mezzo alla settimana, e le valute sono negoziate in tutto il mondo nei principali centri finanziari di Londra, New York, Tokyo, Zurigo, Francoforte, Hong Kong, Singapore, Parigi e Sydney, in quasi tutti i fusi orari. Ciò significa che quando la giornata di trading negli Stati Uniti finisce, il mercato dei cambi ricomincia a Tokyo e Hong Kong. Il mercato dei cambi può quindi essere estremamente attivo in qualsiasi momento della giornata, con prezzi in costante evoluzione.

Le origini del Forex

A differenza dei mercati azionari, le cui radici risalgono a secoli fa, il mercato dei cambi come lo intendiamo oggi è un mercato veramente nuovo. Naturalmente, il concetto nella sua accezione più elementare – convertire una valuta in un’altra per un guadagno finanziario – è molto più antico, e il mercato dei cambi esiste da quando le nazioni hanno iniziato a coniare valute. Ma i moderni mercati dei cambi sono un’invenzione moderna. Dalla fine dell’accordo di Bretton Woods nel 1971, la convertibilità tra molte valute è ancora consentita. Ma i valori delle diverse valute cambiano continuamente, il che ha portato alla necessità di servizi di cambio e cambi.

Le banche commerciali e d’investimento effettuano la maggior parte delle transazioni sui mercati dei cambi per conto dei loro clienti, ma vi sono anche opportunità di speculazione per gli investitori professionali e individuali che desiderano scambiare una valuta contro un’altra.

Forex per la speculazione

Fattori quali i tassi di interesse, i flussi commerciali, il turismo, la forza economica e il rischio geopolitico influenzano la domanda e l’offerta di valuta estera, creando una volatilità quotidiana sui mercati dei cambi. C’è l’opportunità di trarre profitto dai cambiamenti che possono aumentare o diminuire il valore di una valuta rispetto ad un’altra. Prevedere che una valuta si indebolirà è essenzialmente la stessa cosa che supporre che l’altra valuta della coppia si rafforzerà, dato che le valute sono scambiate in coppia.

Immaginate che un trader si aspetti un aumento dei tassi di interesse USA contro l’Australia quando il tasso di cambio tra le due valute (AUD/USD) è di 0,71 (ci vogliono 0,71 USD per acquistare 1,00 AUD). Il trader ritiene che l’aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti farà aumentare la domanda di dollari e quindi il tasso di cambio AUD/USD scenderà, poiché ci vorranno meno dollari, più forti, per acquistare un dollaro australiano. Supponiamo che il trader abbia ragione e che i tassi di interesse aumentino, facendo scendere il tasso di cambio AUD/USD a 0,50. Il tasso di cambio AUD/USD scenderà quindi a 0,50. Il tasso di cambio AUD/USD scenderà quindi a 0,50. Ciò significa che ci vogliono 0,50 USD per acquistare 1 AUD. Se l’investitore avesse messo in cortocircuito l’AUD e avesse assunto una posizione lunga in USD, avrebbe beneficiato della variazione di valore.

Forex per privati

Con l’aiuto di Internet, un mercato al dettaglio per i singoli commercianti

Il commercio di valuta era molto difficile per i singoli investitori prima dell’avvento di Internet. La maggior parte degli attori erano grandi multinazionali, hedge fund o persone facoltose, in quanto il commercio di valuta estera era ad alta intensità di capitale. Con l’aiuto di internet, è stato creato un mercato al dettaglio per i singoli trader e molte piattaforme di trading come Etoro e Iq Option, una piattaforma presentato su www.trading-binario.org. Essi offrono un facile accesso ai mercati dei cambi, sia attraverso le banche stesse che attraverso i broker che forniscono un mercato secondario. La maggior parte dei broker o trader online offre una leva molto elevata ai singoli trader che possono controllare una grande transazione con un piccolo saldo del conto.

Rischi di cambio

Il cambio delle valute può essere rischioso e complesso. Il mercato interbancario è più o meno regolamentato e gli strumenti di cambio non sono standardizzati. In alcune parti del mondo, il commercio di valuta è quasi non regolamentato.

Il trading valutario produttivo richiede la comprensione dei fondamentali e degli indicatori economici. Un commerciante di valute ha bisogno di avere una visione d’insieme delle economie dei diversi paesi e della loro interdipendenza per comprendere i fondamenti che determinano il valore delle valute.

Il risultato finale

Per i trader – soprattutto quelli con fondi limitati – il trading nel giorno lavorativo o lo swing trading in piccole quantità è più facile nel mercato dei cambi rispetto ad altri mercati. Per coloro che hanno orizzonti temporali più lunghi e fondi più grandi, il trading basato su opzioni a lungo termine o un carry trade può essere redditizio. La comprensione dei fondamentali macroeconomici che determinano il valore delle valute e l’esperienza nell’analisi tecnica possono aiutare i nuovi trader a diventare più redditizi.