Crescita esponenziale del traffico Internet globale

Oltre all’aumento del traffico pari al 30% solo a marzo, Akamai ha registrato anche un aumento dei collegamenti alle piattaforme di remote working

Akamai ha analizzato l’andamento del traffico Internet globale e ha registrato una crescita fino al 30% dalla fine di febbraio 2020 alla fine di marzo 2020; un dato di crescita di traffico mese su mese, che si assesta solitamente su una crescita del 3%.

L’attuale situazione mondiale, che vede in tutto il mondo l’implementazione di sempre più numerosi protocolli di isolamento, influenza anche e soprattutto l’utilizzo di Internet e della rete. Con la grande quantità di persone in smartworking, le lezioni da remoto, i servizi di streaming e di intrattenimento, infatti, il traffico Internet è in crescita e così come il volume medio giornaliero di traffico.

Lo stesso tipo di analisi è stato fatto su un lasso di tempo più ampio, verificando i picchi di traffico sulla Edge Platform di Akamai, da marzo 2019 a marzo 2020. Il risultato è un aumento del traffico di oltre 2 volte, con picchi rispettivamente di 82 Tbps nel 2019 e di 167 Tbps nel 2020. Anche il picco di traffico giornaliero degli ultimi 14 giorni supera il picco di 82 Tbps che è stato registrato un anno fa, con una media di ~100 Tbps al giorno.

Se il traffico internet è logicamente in aumento, con picchi di utilizzo di rete molto alti, anche gli accessi registrati sulle applicazioni della piattaforma Prolexic DDoS di Akamai hanno evidenziato un aumento dell’accesso remoto alle applicazioni. L’andamento riportato nel grafico qui sotto riscontra un picco del +50% registrato il 18 marzo, con una crescita che rimane costante nelle settimane successive.

 

 


In Italia crescita costante delle connessione da remoto

Se la situazione evidenziata finora è relativa al traffico globale, l’Italia è stata presa in esame con un’analisi dedicata all’accesso remoto degli utenti alle applicazioni aziendali nel mese di marzo 2020, evidenziata nel grafico qui sotto. Si può notare come il grafico indichi una crescita costante delle connessioni da remoto dall’inizio alla fine del mese e come il picco si registra proprio nella giornata del 31 marzo.

 

 

Nonostante i grossi picchi di traffico registrati e il significativo aumento verso i siti dei clienti, la gestione di Akamai è rimasta ottimale. I dati infatti mostrano come i tempi di caricamento delle pagine del sito web sono rimasti costanti dall’inizio di gennaio alla fine di marzo. Non solo, Akamai ha persino registrato un miglioramento dei tempi di caricamento delle pagine web sia negli Stati Uniti che a livello globale, confrontando i tempi di caricamento delle pagine web dal primo trimestre del 2019 al primo trimestre del 2020, sia su browser desktop che su browser mobile. Negli Stati Uniti si parla di +14% per i browser desktop e di +19% per i browser mobile, mentre nel resto del mondo +9% per i browser desktop e di +11% per i browser mobile. Tutte dinamiche che evidenziano come i miglioramenti della piattaforma e dei prodotti Akamai siano stati funzionali e hanno superato i picchi di traffico e i colli di bottiglia degli utenti.

 

 

 

Gaming sotto attacco

In tutta questa situazione però non si sono fermate le attività degli hacker. Infatti nel primo trimestre del 2020, Akamai non ha registrato una diminuzione dell’attività DDoS contro i settori tipicamente presi di mira dagli attaccanti e il settore del gaming continua a essere uno dei settori più frequentemente attaccati, sia per il numero che per le dimensioni degli attacchi.