AI: le aziende sono pronte?

Una ricerca condotta da Avanade mostra che solo l’uno per cento delle imprese può definirsi “maturo per l’Intelligenza Artificiale (AI)”. D’altro canto, le organizzazioni che integrano completamente soluzioni di AI nei sistemi aziendali possono ottenere un ROI cinque volte superiore alla media

Le aziende dovrebbero accelerare l’adozione di strumenti di intelligenza artificiale (AI) per migliorare la propria resilienza e prepararsi ad affrontare le sfide a lungo termine, questo, in sintesi, il risultato più evidente del report “AI Maturity Survey,” commissionato da Avanade.

Il sondaggio, condotto dalla società di ricerca indipendente Vanson Bourne per conto di Avanade attraverso interviste a 1.700 decisori aziendali IT di livello senior di 15 paesi tra cui l’Italia (campione di 140 intervistati), rivela che solo l’1% delle aziende, nonostante il mix di maggiore produttività, efficienza e riduzione dei costi garantito dai sistemi di Intelligenza Artificiale, può definirsi” maturo per l’AI”. D’altro canto, le imprese che riescono a integrare completamente l’AI nei propri sistemi sono in grado di ottenere un ROI fino a cinque volte superiore alla media, grazie a una combinazione di maggiore produttività, migliore efficienza dei processi e minori costi operativi.

Per aiutare le aziende a valutare il grado di maturità nell’implementazione dell’AI e, se necessario, identificare i modi per accelerarne l’adozione, Avanade ha sviluppato una metodologia che indaga cinque aree chiave all’interno dell’organizzazione:

Strategia
Attrazione talenti e cultura aziendale
Etica Digitale
Data Supply Chain e Analytics
Tecnologia e processi

I principali risultati del report:

Strategia: il 95% degli intervistati (93% in Italia) ritiene che l’AI sia fondamentale, ma un terzo (32% in Italia) cita proprio la pianificazione strategica come una delle tre barriere principali alla effettiva implementazione di un progetto di AI. Il 35% degli intervistati (34% in Italia) è alla ricerca di un supporto consulenziale esterno alla propria azienda per definire la propria strategia.

Attrazione talenti e cultura aziendale: l’80% degli intervistati (91% in Italia) concorda sul fatto che la cultura aziendale e il cambiamento siano la chiave del successo a lungo termine di un progetto di AI e più della metà del campione (69% in Italia) è impegnato nella ricerca e assunzione di talenti con competenze adeguate o nel processo di change management.

Etica digitale: il 96% (86% in Italia) ritiene che per implementare progetti di AI sia necessario creare policy e procedure aziendali che garantiscano il rispetto dei principi di etica digitale” e il 66% (54% in Italia) lo sta già facendo.

Tecnologia e processi: Il 61% degli intervistati (64% in Italia) ha sperimentato sistemi di automazione e advanced analytics, circa la metà del campione utilizza la computer vision (33% in Italia) o gli agenti virtuali (22% in Italia).

Data Supply Chain: il 65% delle aziende intervistate (69% in Italia) esprime l’esigenza di migliorare la qualità dei dati.

L’83% delle aziende (il 94% in Italia) che già oggi utilizzano strumenti di AI concordano sul fatto che questa tecnologia porterà un vantaggio competitivo in futuro.
Il successo stimato dei progetti di AI si misurerà principalmente con un aumento della produttività per il 64% del campione (75% in Italia), incremento dell’efficienza dei processi, dei sistemi e degli strumenti per il 57% (63% in Italia) e riduzione dei costi per il 54% (62% in Italia).

“Mentre le incertezze sull’impatto dell’AI sull’elemento umano sono diminuite in modo significativo negli ultimi anni, la maggior parte delle aziende sono però ancora indecise su quali modalità di implementazione adottare per ottenere risultati di business significativi e sostenibili”, ha dichiarato Roberto Chinelli, Data & AI Lead Italia di Avanade. “Oggi la resilienza delle imprese è messa a dura prova e le organizzazioni devono ripensare e accelerare l’integrazione dell’AI per sfruttarne appieno i vantaggi, qualunque sia il futuro. Il nostro strumento per la valutazione dell’AI può aiutarle a intraprendere questo percorso”.