Prisma Cloud 2.0 migliora la protezione dell’infrastruttura cloud offrendo l’unica piattaforma completa di sicurezza cloud-native

Palo Alto Networks ha presentato Prisma Cloud 2.0, piattaforma, che comprende quattro nuovi moduli di sicurezza in cloud e che rafforza così la sua posizione di Cloud Native Security Platform (CNSP) unica e più completa del mercato, in grado di proteggere ambienti multi-cloud, cloud ibridi e  applicazioni cloud-native, integrando la sicurezza nell’intero ciclo di vita dei DevOps.

Questo annuncio integra le novità derivanti dall’acquisizione di Aporeto e segue l’introduzione di Palo Alto Networks Prisma Cloud avvenuta a novembre 2019.

I nuovi moduli di Palo Alto Networks Prisma Cloud includono:

  • Sicurezza dei dati grazie alle funzionalità di data loss prevention (DLP), che offre individuazione, classificazione e rilevamento di malware per AWS S3. La protezione dei dati è fondamentale per ogni azienda regolamentata che si affida al cloud per soddisfare i requisiti di conformità e, quando utilizzata in combinazione con le funzionalità di Cloud Security Posture Management (CSPM), la sicurezza dei dati fornisce ai clienti una panoramica sui rischi reali del cloud in relazione all’esposizione dei dati.
  • Web Application e API Security consentono di proteggere le applicazioni web dalle minacce Layer 7 e OWASP Top 10, integrate con l’agent framework unificato già utilizzato dalle aziende per le piattaforme di protezione di istanze applicative nel cloud.
  • Microsegmentazione basata sull’identità integra le potenti funzionalità della Cloud Network Security (CNS), in seguito all’acquisizione di Aporeto, per fornire visibilità end-to-end delle comunicazioni di rete, insieme a un controllo e una gestione completi delle policy di sicurezza.
  • Identity and Access Management (IAM) Security offre ai clienti funzionalità di Cloud Infrastructure Entitlement Management (CIEM) e consente di ottenere visibilità su chi ha accesso a specifiche risorse cloud e proteggerle, stabilendo un accesso automatizzato alle identità meno privilegiate.

L’unica piattaforma di sicurezza realmente cloud-native

Con Prisma Cloud, Palo Alto Networks è stato il primo vendor a offrire Cloud Security Posture Management e Cloud Workload Protection su un’unica piattaforma, in modalità SaaS. Con l’aggiunta di Cloud Network Security e Cloud Infrastructure Entitlement Management, Prisma Cloud 2.0 si rivela leader di mercato in ciascuna delle quattro aree CNSP, diventando di fatto l’unica piattaforma di sicurezza realmente cloud-native.

Come sottolineato in una nota ufficiale da Doug Cahill, senior security analyst e group practice director, Enterprise Strategy Group (ESG): «Le aziende stanno adottando architetture nativamente cloud, compresi container e serverless, e introducono metodologie come DevOps per aumentare la velocità di rilascio e ottenere maggiore scalabilità. Questo spinge i team di sicurezza a integrare la protezione nell’intero ciclo di vita dell’applicazione e fornirla con un approccio focalizzato sulla piattaforma, in base alle convergenze dei mercati. L’innovazione con Prisma Cloud 2.0 si riferisce proprio a questo».

Per Varun Badhwar, Senior Vice President for product, Prisma Cloud di Palo Alto Networks: «Oggi le organizzazioni utilizzano più cloud in modalità differenti. Questo consente  molti vantaggi, come  rapide implementazioni, maggiore agilità e velocità di esecuzione  delle funzionalità, ma, aumenta anche il potenziale di rischio. Prisma Cloud 2.0 affronta queste sfide con una soluzione unificata che aiuta le aziende a rilevare le minacce nelle loro risorse cloud, a mantenere la conformità, a proteggere le applicazioni cloud native, le reti e le comunicazioni tra applicazioni, rafforzando le autorizzazioni e proteggendo le identità su tutti i workload – una soluzione di sicurezza cloud realmente completa».