lavoro da remoto

Zscaler, specialista nella cloud security, rende pubblici oggi i nuovi dati emersi dalla costante attività di monitoraggio della sua dashboard Working from Anywhere Trends che mostrano come siano cambiate le tendenze in Italia relative al lavoro da remoto negli ultimi 12 mesi rispetto alle altre nazioni europee, e quali app hanno generato il maggior traffico.

Ogni giorno, il cloud di sicurezza di Zscaler elabora 150 miliardi di transazioni, fornendo una visione unica sulle modalità con cui i dipendenti delle aziende si collegano alle loro applicazioni in cloud o nel data center aziendale e a cosa si stiano connettendo, quando il loro traffico è protetto da Zscaler Zero Trust Exchange, una soluzione di sicurezza cloud-native che collega in modo sicuro utenti, applicazioni e dispositivi su qualsiasi rete, in qualsiasi luogo.

Da quando nel marzo 2020 l’Italia è entrata in lockdown, la maggior parte dei lavoratori italiani ha dovuto adattarsi alle peculiarità di una modalità di lavoro fino a quel momento poco impiegata: il telelavoro o lavoro da remoto. Ad un anno di distanza, molte aziende stanno valutando se un ritorno in toto agli uffici fisici abbia senso dal punto di vista finanziario, logistico e del benessere della loro forza lavoro.

Il passaggio al lavoro da remoto

I dati di Zscaler mostrano come, prima che la gravità del Covid-19 diventasse evidente, la grande maggioranza dei lavoratori europei lavorasse in modo preponderante dal proprio ufficio.

Gennaio 2020

Il traffico attraverso il cloud di Zscaler nel Regno Unito era prevalentemente in ufficio (87%) rispetto a quello da remoto (13%)
L’85% del traffico spagnolo era in azienda contro il 15% in remoto
L’84% del traffico in Italia era in azienda contro il 16% da remoto
In Olanda la percentuale è dell’88% in azienda contro il 12% da remoto
Il maggior numero di lavoratori presente fisicamente in azienda è stato riscontrato in Germania, dove il 95% di tutto il traffico proveniva dall’ufficio

lavoro da remoto zscaler app

Nel marzo 2020, c’è stato un cambiamento significativo, ma forse non così marcato rispetto a come ci si potrebbe aspettare.

Nel Regno Unito, solo il 41% del traffico è stato registrato da remoto, mentre il 59% è rimasto all’interno dell’ufficio
Anche i dati relatvi alla Germania hanno segnalato un incremento dell’attività da remoto, ma la grande maggioranza del traffico ha continuato ad avere come fonte di provenienza l’azienda (25% remoto – 75% in ufficio)
Dato che l’Italia è stata una delle prime nazioni europee ad essere così duramente colpita dalla pandemia, il confronto qui è più netto, con il 69% del traffico che si sposta in telelavoro e il 31% che rimane in azienda.

lavoro da remoto zscaler app

Didier Schreiber, Regional Marketing Director Southern Europe afferma in merito: “Questi dati dimostrano come le capacità di mettere in pratica il lavoro da remoto dei diversi Paesi si siano evolute in base all’impatto che la pandemia COVID-19 ha e sta avendo sulle loro popolazioni. Sarà interessante vedere come i modelli di traffico dei diversi Paesi reagiranno ora che la situazione è in evoluzione, in particolare perché le aziende hanno accelerato i loro sforzi di trasformazione per consentire ai dipendenti di lavorare da qualsiasi luogo in modo sicuro. Le circostanze nell’ultimo anno, hanno costretto le aziende ad adottare questo nuovo modello di lavoro, ma, quando la situazione lo consentirà, le aziende continueranno ad adottare in modo permanente queste nuove abitudini di lavoro dati gli ingenti investimenti fatti nella tecnologia cloud?”.

Le App più usate durante il telelavoro

Zscaler analizza anche i volumi di traffico remoto delle singole app. Mentre non sorprende trovare in cima alla classifica delle app più utilizzate Outlook/Office 365, può invece destare qualche sorpresa trovare in posizioni avanzate app consumer, come Youtube, Facebook e Netflix, a dimostrazione che molti che fanno lavoro da remoto utilizzano i loro computer aziendali per attività di svago.

Come interessante parentesi, la Dashboard Zscaler Working from Anywhere Trends ha anche mostrato il recente successo della nuova piattaforma di streaming di Disney, Disney+, lanciata in Italia a fine marzo 2020. Negli ultimi sei mesi (ottobre 2020 – marzo 2021), il servizio ha visto la più grande impennata nei volumi di traffico di qualsiasi app in Italia sui portatili aziendali, con un aumento del 476%!

lavoro da remoto zscaler app

“Questi dati indicano ciò che tutti noi ci aspettavamo ma che non potevamo realmente confermare – ovvero che durante il lavoro da remoto i dispositivi aziendali stanno svolgendo un doppio ruolo accanto all’utilizzo lavorativo: sono infatti diventati lettori multimediali per tutta la famiglia e vengono impiegati per l’intrattenimento, proprio come un dispositivo privato”. Dichiara Didier Schreiber, Regional Marketing Director Southern Europe di Zscaler, che prosegue: “Questa è una conseguenza comprensibile dell’intersezione tra vita lavorativa e domestica, ma questa situazione deve essere affrontata anche dal punto di vista della sicurezza informatica. Questo tipo di attività potrebbe eludere i controlli di protezione aziendali. Poiché i rischi per i dati si moltiplicano utilizzando su larga scala il telelavoro e diventa più difficile mantenere gli standard di sicurezza aziendale esistenti, le responsabilità del CISO dovranno essere più ampie. Non dovranno più limitarsi a fornire l’accesso da remoto in maniera sicura e performante a tutta la forza lavoro, ma anche adeguarsi al nuovo livello di rischio che la cultura dell’home office implica. Dovranno perciò imparare rapidamente e far luce sui nuovi rischi che scaturiscono dal nuovo ambiente di lavoro e stabilire una nuova cultura della sicurezza”.