Sql Server 2014: Microsoft coglie le opportunità dei Big Data e dell’IoT

L’ultima versione di Sql Server è in grado di offrire analisi in tempo reale di terabyte e petabyte di dati grazie alla tecnologia in-memory integrata e di garantire scalabilità e disaster recovery affidandosi al public cloud di Microsoft Azure

Microsoft coglie le opportunià dei Big Data e dell’Internet of Things. Ne è stata data prova con la presentazione del nuovo Sql Server 2014, avvenuta nei giorni scorsi a Milano, in occasione dell’annuncio anche di nuove soluzioni per una Business Intelligence sempre più olistica e pervasiva.
La nuova versione di Sql Server rappresenta una piattaforma dati ibrida che fa leva su tecnologie in-memory per garantire la gestione e l’analisi di enormi quantità di dati eterogenei in tempo reale, e consente ad aziende di qualsiasi settore e dimensione di progettare e sviluppare in modo semplice e accessibile applicazioni mission-critical, soluzioni Big Data e strumenti di Bi on premise o sulla cloud.

Come detto, l’ultima versione della piattaforma per la gestione e l’analisi dei dati più sicura (Sql Server è stato riconosciuto come il database meno vulnerabile per cinque anni di seguito) e più utilizzata al mondo (46% della quota di mercato) è in grado di offrire analisi in tempo reale di terabyte e petabyte di dati grazie alla tecnologia in-memory integrata e di garantire scalabilità e disaster recovery affidandosi al public cloud di Microsoft Azure.
Da menzionare, inoltre, il nuovo sistema 
Analytics Platform System (Aps) che combina il meglio del database di Microsoft Sql Server e della tecnologia Hadoop in un’offerta low-cost per offrire una soluzione “Big Data in a box”.

Le nuove soluzioni sono il frutto di 12 mesi di innovazione, durante i quali sono state perfezionate diverse applicazioni e funzionalità per offrire una completa piattaforma dati in grado di garantire performance real time a partire da qualsiasi fonte d’informazione. In questa logica, nell’ultimo anno sono stati infatti lanciati anche: Power Bi for Office 365, una soluzione cloud-based di Business Intelligence self service con funzionalità all’avanguardia per l’interpretazione del linguaggio naturale; Azure HDInsight per beneficiare in modo flessibile del framework Hadoop sulla cloud; PolyBase per riunire dati strutturati e non strutturati in un appliance di data warehouse; e Power Query for Excel, che rende più semplice per chiunque scoprire dati attraverso un tradizionale foglio di calcolo.

Fabio Santini, Microsoft ItaliaNell’attuale scenario di business la conoscenza assume un ruolo chiave e consente alle aziende di guadagnare un vantaggio competitivo – ha spiegato Fabio Santini, direttore della Divisione Server, Tools & Cloud di Microsoft Italia -. Fondamentale quindi promuovere un’opportuna cultura dei dati e incoraggiare la curiosità e la sperimentazione per cogliere con dinamismo le opportunità di un mercato che si muove a ritmi accelerati. Il nostro obiettivo è offrire alle persone e alle organizzazioni di qualsiasi dimensione e settore una piattaforma a 360° per garantire insight capaci di guidare la decisioni di business e di allineare strategia ed esecuzione”.