Quali sono le priorità per gli IT decision maker europei?

La sicurezza dei device è una delle preoccupazioni principali, ma acquisiscono una rilevanza crescente il design e gli strumenti di collaborazione

Secondo uno studio, commissionato da HP e condotto da Redshift Research, un quarto delle organizzazioni in Europa ha sofferto una violazione della sicurezza dei dispositivi aziendali negli ultimi 12 mesi. Meno di un terzo (il 32%) si dice invece sicuro del livello di sicurezza offerto dai dispositivi in uso.

La ricerca ha coinvolto oltre mille IT decision maker in sette diversi Paesi europei in merito all’utilizzo dei dispositivi aziendali. I risultati evidenziano una potenziale preoccupazione per quanto riguarda la sicurezza dei device, come indicato dal 90% dei decision maker.

Gli IT decision maker confermano l’importanza del tema della sicurezza dei dispositivi, e riconoscono anche nel design un altro importante fattore di valutazione, poiché abilita il lavoro flessibile e può contribuire alla job satisfaction dei dipendenti. Più dei due terzi (69%) degli IT decision maker considera il design del PC importante per l’uso in mobilità, mentre oltre tre quarti (77%) ritiene che un PC aziendale dal design ben progettato possa incrementare la soddisfazione sul lavoro.

Quasi la metà (44%) afferma che nelle rispettive organizzazioni non è ad oggi attiva alcuna politica di tipo bring-your-own-device (BYOD); il dispositivo fornito dal dipartimento IT aziendale gioca quindi un ruolo importante per i dipendenti, in particolare considerando che i millennial rappresentano una fascia crescente della forza lavoro.

Stiamo osservando una continua evoluzione nel modo in cui i nostri clienti utilizzano i dispositivi business, che si traduce in una maggiore richiesta in termini di collaboration, mobilità e produttività”, ha detto Tino Canegrati, Managing Director, HP Italy. “Questo nuovo modo flessibile di lavorare comporta una vera sfida per gli IT decision maker nell’assicurare che i loro device rimangano sicuri, offrendo però al tempo stesso prodotti funzionali, belli ed eleganti capaci di soddisfare le richieste di produttività e design dei loro dipendenti”.

Fra le ragioni più comuni di insoddisfazione dei dipendenti in relazione al loro PC aziendale, vengono indicate un design poco accattivante (27%) e una batteria di breve durata (25%). L’ampia diffusione di dispositivi mobile si traduce nella possibilità per gli utenti di lavorare dove e quando vogliono: a casa, in ufficio o in mobilità, utilizzando i loro dispositivi per svolgere task personali o di “social admin” mentre lavorano. Questo si riflette anche in un diverso approccio degli IT decision maker circa le modalità di utilizzo dei PC aziendali dei dipendenti: oltre un terzo dei rispondenti (37%) segnala che non vengono tracciate le attività non lavorative svolte sui PC di lavoro.

Gli intervistati osservano inoltre che la loro forza lavoro sta diventando sempre più mobile: il 43% dei colleghi passa meno di 35 ore settimanali in ufficio, con una media di nove ore settimanali spese in riunioni face-to-face e da remoto.

Con una forza lavoro sempre più mobile, la richiesta di strumenti business per la collaboration diventa sempre più urgente. Oltre il 50% dei rispondenti dichiara che per i propri colleghi la messaggistica istantanea è lo strumento più usato quotidianamente, mentre i tool di video conference su PC vengono utilizzati almeno due volte alla settimana per oltre la metà degli intervistati. La connettività dei dispositivi rimane tuttavia una sfida, con oltre il 29% che afferma di considerarla la maggiore barriera tecnologica alla collaboration, mentre un ulteriore 25% individua nel software un possibile ostacolo.

Esperienze diverse in Europa

I risultati dell’indagine evidenziano differenze nell’uso dei device nelle organizzazioni nei vari Paesi europei. Gli IT decision maker tedeschi tendono maggiormente a offrire strumenti di video conference ai propri impiegati (solo il 7% afferma di non farlo), mentre nel Regno Unito oltre un quarto (27%) degli IT decision maker non offre questa possibilità. Esistono inoltre diversi livelli di utilizzo della messaggistica istantanea, con l’84% degli IT decision maker spagnoli a riportare un utilizzo quotidiano da parte dei propri impiegati, mentre in Svizzera tale percentuale scende al 27%.

In Francia, il 78% degli IT decision maker considera la sicurezza dei dispositivi una preoccupazione importante, mentre nel Regno Unito meno della metà degli intervistati (49%) la ritiene prioritaria. In Spagna, più di tre quarti (78%) degli IT decision maker ha sperimentato un’infrazione nella sicurezza dei dispositivi utilizzati all’interno della propria organizzazione, rispetto a solo poco più della metà (51%) nel Regno Unito.

La sicurezza legata all’uso dei dispositivi aziendali risulta una delle principali preoccupazioni anche per gli IT decision maker italiani (91%), in linea con quanto emerge complessivamente dai risultati negli altri Paesi (90%). Circa il 23% degli IT decision maker italiani ha subito attacchi alla sicurezza dei device negli ultimi 12 mesi, mentre il 34% ha riportato di averne avuti in precedenza.

I responsabili IT italiani esprimono tuttavia un maggiore grado di fiducia rispetto al resto d’Europa (96% contro 84%) sul livello di sicurezza dei dispositivi utilizzati in azienda, probabilmente anche grazie a una più elevata presenza di politiche di tipo bring-your-own-device (BYOD).

Emerge infine come il design rappresenti un fattore di maggiore rilevanza per gli IT decision maker italiani rispetto ai propri omologhi europei. Il 91% dei rispondenti riporta anche una maggiore correlazione tra design e soddisfazione lavorativa, evidenziando come un PC commercial con un design ben progettato possa contribuire alla job satisfaction dei dipendenti. Negli altri Paesi coinvolti questo dato si ferma invece al 75%.