Gestire il cloud ibrido? È più semplice con vRealize Cloud Management

VMware ha annunciato l’aggiornamento della sua piattaforma per migliorare le operations e l’automazione del cloud ibrido

VMware ha aggiornato la piattaforma VMware vRealize Cloud Management per consentire agli sviluppatori e agli amministratori IT di creare e distribuire rapidamente le applicazioni in ambienti cloud ibridi con operations più sicure e coerenti.

Nello specifico, le nuove release di prodotto riguardano vRealize Operations 7.5, vRealize Network Insight 4.1, vRealize Automation 7.6 e vRealize Suite Lifecycle Manager 2.1, che si combineranno per fornire self-driving operations ampliate e funzionalità di provisioning programmabili avanzate su cloud privati e ibridi.

In questo modo, nella sua nuova versione, VMware vRealize Operations, che offre una costante ottimizzazione delle prestazioni basata su obiettivi operativi e di business, estenderà le funzionalità self-driving per aiutare i clienti a ottenere:

  • Ottimizzazione continua delle prestazioni: per migliorare ulteriormente le prestazioni delle applicazioni in base agli obiettivi operativi e di business, questa release introduce l’ottimizzazione delle performance dell’infrastruttura iperconvergente (HCI) dei cluster VMware vSAN tramite il ribilanciamento dei workload. Inoltre, la piattaforma introdurrà l’ottimizzazione del posizionamento per i carichi di lavoro vSAN utilizzando la definizione dell’obiettivo di storage.
  • Gestione efficiente della capacità: l’aggiornamento includerà anche funzionalità di gestione della capacità vSAN aggiornate, inclusi nuovi driver di costo HCI e scenari “what-if” per creare dei modelli legati all’aumento della capacità dei cluster vSAN. Inoltre, fornirà scenari “what-if” ampliati per confrontare i costi dei cloud privati basati su VMware vSphere con VMware Cloud on AWS, AWS, Azure, Google Cloud, IBM Cloud e altri cloud partner del programma VMware Cloud Provider. Per aiutare i clienti ad avere successo nel percorso verso il multi-cloud, questo portafoglio integrato si combina con CloudHealth by VMware per offrire visibilità, ottimizzazione e governance complete per un ambiente multi-cloud.
  • Remediation intelligente: per prevedere, prevenire e risolvere rapidamente i problemi relativi alle applicazioni e all’infrastruttura, questa nuova versione introdurrà l’applicazione agent-based di Telegraf e il monitoraggio del sistema operativo con la gestione del ciclo di vita degli agenti e una dashboard di troubleshooting delle applicazioni pronta all’uso. Offrirà inoltre funzionalità avanzate per mappare le relazioni tra le applicazioni e l’infrastruttura e ridurre il tempo di rilevamento della causa principale dei problemi di prestazioni e disponibilità.
  • Funzionalità di compliance integrate per VMware vSphere: per ridurre i rischi e applicare gli standard IT e normativi, questa nuova versione introdurrà funzionalità integrate di conformità e di remediation drift automatiche per VMware vSphere. I clienti saranno in grado di misurare lo stato della compliance di vSphere rispetto agli standard pubblici fondamentali, applicare standard di conformità personalizzati e automatizzare la gestione della configurazione con i flussi di lavoro out-of-the-box e l’integrazione di vRealize Orchestrator.

A sua volta, VMware vRealize Network Insight, disponibile anche come VMware Cloud Service, estenderà la visibilità per la sicurezza incentrata sulle applicazioni e il networking negli ambienti Kubernetes.

vRealize Network Insight 4.1 consentirà alle organizzazioni che eseguono ambienti Kubernetes o VMware Enterprise PKS di pianificare la sicurezza, risolvere problemi di rete e utilizzare analisi avanzate per applicazioni containerizzate. La nuova versione aiuterà ulteriormente le aziende a pianificare e risolvere i problemi di sicurezza e networking mettendo le applicazioni al centro, connettendosi a ServiceNow e aggiungendo dashboard applicative specifiche. Inoltre, vRealize Network Insight 4.1 offrirà maggiore visibilità su overlay e underlay di rete introducendo la latenza del flusso e il supporto del bilanciamento del carico F5.

Di suo, invece, VMware vRealize Automation 7.6 introdurrà integrazioni migliorate con le funzionalità di stack e gestione del software-defined data center VMware per semplificare l’automatizzazione degli ambienti cloud ibridi dei propri clienti. La nuova release estenderà ulteriormente l’integrazione con VMware NSX Data Center con il nuovo supporto on-demand per reti private, e con VMware NSX-T e NSX per la configurazione vSphere per diversi cluster all’interno di un singolo VMware vCenter Server.

Infine, VMware vRealize Suite Lifecycle Manager 2.1 supporterà ulteriormente i clienti nella gestione e automazione dei propri ambienti tramite l’integrazione avanzata con VMware Cloud Foundation, user experience migliorata, opzioni di deployment più granulari e funzionalità di gestione dei contenuti ampliate, tra cui acquisizione e supporto multi-contenuto per endpoint Bitbucket.

Come riferito in una nota ufficiale da Ajay Singh, senior vice president and general manager, Cloud Management Business Unit di VMware: «Le aziende utilizzano le self-driving operations di VMware e il provisioning programmabile per semplificare radicalmente la gestione delle applicazioni e dell’infrastruttura. I clienti guardano a VMware e alla nostra piattaforma vRealize Cloud Management per operare e automatizzare i loro ambienti cloud ibridi con un approccio di non intervento e senza complicazioni, per concentrarsi sulla trasformazione del proprio business».