Cepsa sceglie Red Hat

Il leader spagnolo dell’energia collabora con Red Hat per guadagnare competitività e rispondere al meglio alle esigenze dei clienti in termini di velocità, scalabilità ed efficienza

Red Hat, fornitore di soluzioni open source, è stato scelto da Cespa, leader dell’energia in Spagna, per la sua digital transformation.

Cepsa ha costruito una piattaforma ibrida cloud-ready con Red Hat OpenShift Container Platform supportata da Red Hat OpenShift Container Storage e automatizzata da Red Hat Ansible Tower, per accelerare lo sviluppo e il lancio di nuove applicazioni.

Cepsa, che opera all’interno della catena del valore oil and gas, si trova al centro di un processo esteso di digital transformation che riguarda tutte le sue divisioni e aree di business, con l’obiettivo di diventare una realtà agile e data-driven. Come parte di questa trasformazione, Cepsa ha scelto Red Hat OpenShift Container Platform, la piattaforma Kubernetes enterprise più completa del mercato, per poter portare in modo più rapido sul mercato idee sotto forma di esperienze digitali per i clienti.

L’IT di Cepsa si compone di ambienti on-premise, private cloud e public cloud differenti (multicloud). Con Red Hat OpenShift Container Platform, Cepsa sta containerizzando le applicazioni su una piattaforma standard, attualmente operativa on-premise, e offrendo maggiore flessibilità nella scalabilità sulla sua infrastrutture hybrid cloud per il futuro.

Si tratta di un progetto cross-funzionale che coinvolge team differenti, con Cepsa che punta a promuovere una collaborazione più stretta e adottare una metodologia DevOps.

Red Hat OpenShift Container Platform è pensata per unire sviluppatori e IT operations e nel frattempo accelerare l’adozione di pratiche DevOps offrendo ambienti operativi standard, configuration as code, self-provisioning, integrazione continua e auto-scaling.

Cepsa ha scelto Red Hat OpenShift Container Storage anche perché integrata e ottimizzata con per Red Hat OpenShift Container Platform. Red Hat OpenShift Container Storage è pensato per fornire storage persistente per funzioni OpenShift e un’esperienza utente più immediata per sviluppatori e DevOps, per trasferire dati persistenti con le applicazioni tra le piattaforme, verso il cloud ibrido, o tra cloud pubblici differenti.

Cepsa ha scelto Red Hat Ansible Tower, un framework enterprise di automation che copre infrastruttura, reti e cloud, per poter estendere l’automazione lungo la sua infrastruttura ibrida, in vista anche delle proprie necessità future. A supporto del roll-out del progetto, Red Hat ha offerto anche formazione tecnica allo staff di Cepsa e ha contribuito a definire un framework per la creazione di applicazioni cloud-native, modernizzando le applicazioni esistenti e gestendo le applicazioni in modo più omogeneo per tutto il suo ambiente IT.

“Cepsa ha iniziato ad adottare l’open source quando le nostre applicazioni Java erano ancora su application server commerciali – spiega Susana Zumel, CIO, Cepsa -. Questo ci ha permesso di ottenere maggiore flessibilità, superiore efficienza economica e nuova spinta alla nostra capacità di innovare. Scegliere Red Hat OpenShift Container Platform è stata l’evoluzione naturale della piattaforma di riferimento, a supporto della trasformazione del nostro business”.