La diffusione dei pagamenti elettronici

Bonifici, addebiti e depositi diretti, assegni elettronici, money transfer, portafogli digitali e carte: ecco le caratteristiche dei più diffusi

In anni recenti la diffusione dei pagamenti elettronici, sotto le più svariate forme, ha assunto proporzioni molto rilevanti a livello globale, seguendo di pari passo l’enorme incremento del volume di vendite online a livello internazionale. È stata proprio questa internazionalizzazione del commercio a spingere le principali piattaforme a dotarsi di strumenti di pagamento sempre più immediati e sicuri per il cliente, così da favorire eventuali acquisti.

LE TIPOLOGIE DI PAGAMENTO ELETTRONICO

In primis è bene precisare che i pagamenti elettronici sono un tipo di pagamento nel quale, come il termine suggerisce, non c’è uno scambio fisico di denaro, ma si tratta bensì di sistemi nei quali lo scambio monetario è trasferito in modo esclusivamente digitale tra due soggetti (siano essi banche o privati). Elenchiamo qui di seguito i principali strumenti di pagamento elettronico:

  • Bonifico: si tratta del normale bonifico bancario, cioè tramite il nostro conto corrente possiamo inviare denaro conoscendo alcuni dati importanti del destinatario, il più importante dei quali è l’Iban, che funge da vera e propria coordinata per trasferire i fondi al conto bancario del beneficiario
  • Addebito diretto: è diventato ora “Addebito Diretto SEPA” (SEPA è acronimo di Area Unica dei Pagamenti in Euro), si tratta di una tipologia di pagamento che permette di impostare l’invio in modo automatico di pagamenti ripetitivi (un esempio potrebbero essere le bollette per le forniture di luce e gas). Così come il bonifico, anche l’Addebito Diretto si appoggia a un conto corrente bancario dal quale invia i soldi.
  • Deposito diretto: similare, nella sua natura, a bonifico e addebito diretto, il Deposito Diretto è un trasferimento di fondi che arriva direttamente al tuo account bancario senza che debba necessariamente essere formalmente accettato dal richiedente. Ha in genere tempistiche di arrivo più rapide.
  • Assegni elettronici: si tratta della forma digitalizzata del vecchio assegno cartaceo, e per essere veicolato è necessario che i due soggetti – mittente e ricevente – abbiano rapporti di conto corrente con almeno una banca online (oltre ad avere dei sistemi hardware e di cifratura che garantiscano sicurezza e univocità al pagamento)
  • Money transfer: si tratta di circuiti non bancari tramite i quali è possibile inviare denaro in tutto il mondo. Si caratterizza per costi di transazione molto contenuti ed è quindi spesso utilizzato come scelta da parte di immigrati presenti sul suolo italiano – e non solo – per inviare denaro al loro paese di origine
  • Portafogli digitali: si tratta di una sorta di luogo virtuale sul quale possiamo inviare soldi o riceverne in pagamento a fronte di vendite di beni privati o di offerta di prestazioni lavorative. È un sistema che si basa su accesso tramite un indirizzo mail e una password, al fine di rendere il portafoglio online accessibile solo da parte di chi conosce le credenziali, rappresentando così un elevato standard di sicurezza. Sebbene alcuni siti che offrono portafogli online siano soggetti ad alcuni pericoli, in linea generale si tratta di un sistema di pagamento immediato e sicuro e che sta venendo sempre più riconosciuto dai principali operatori commerciali del web. Oltretutto, il fatto di poter rappresentare una sorta di zona cuscinetto tra i nostri acquisti online e il nostro conto bancario, rende il portafoglio online una scelta sempre più diffusa poiché evita che terze parti indesiderate abbiano accesso ai dati sensibili del nostro conto corrente.
  • E-banking: con questo termine si definiscono tutte quelle operazioni bancarie che vengono rese operabili da parte degli utenti anche in modo autonomo, da casa propria tramite computer o smartphone, attraverso piattaforme di gestione ideate dalla banca sulla quale si ha il proprio conto corrente
  • Carte di pagamento: si tratta di carte prepagate che, un po’ come i portafogli digitali, fungono da zona intermedia tra la transazione online e il nostro conto corrente originario, mantenendo quest’ultimo molto più al sicuro. Un esempio tipico di utilizzo è da parte di aziende o liberi professionisti che grazie alla carta prepagata Soldo ricevono benefici in termini di facilità di gestione dei loro trasferimenti di denaro.