Artificial Intelligence: gli sviluppi per il 2020

Secondo le previsioni a cura di Infor, le piattaforme di AI ed ML inizieranno a sfidare il pensiero convenzionale

L’AI aziendale diventa più “intellettuale” e context-driven. Lo sostiene Infor secondo cui, le piattaforme di Artificial Intelligence e Machine Learning inizieranno a sfidare il pensiero convenzionale, mostrando l’enorme potenziale nella trasformazione dei processi operativi delle aziende.

Da qui la formulazione di tre scenari che, sempre secondo Infor, caratterizzeranno il 2020 in corso.

Verso gli “Assistenti digitali intellettuali”

Per soddisfare le crescenti aspettative degli utenti aziendali, gli assistenti digitali AI si evolveranno in “Assistenti digitali intellettuali”. Agli utenti non è più sufficiente dire agli assistenti digitali che cosa fare in modo che eseguano automaticamente determinate attività o configurazioni di base. Il 2020 sarà l’anno in cui gli assistenti digitali, utilizzando l’AI e l’apprendimento automatico (ML), inizieranno a comprendere il contesto in cui gli utenti stanno operando, per consigliare i potenziali passaggi successivi (basati su azioni già completate), identificando gli errori e correggendo automaticamente gli input, oltre a interagire con gli utenti in conversazioni dinamiche e in tempo reale.

L’AI aiuta a definire una “nuova normalità”

Nel 2020, le piattaforme AI e di Machine Learning inizieranno a sfidare il pensiero convenzionale nell’ambito dei processi aziendali e dei risultati attesi. In altre parole, questi sistemi saranno in grado di ridefinire le nostre ipotesi predefinite su ciò che è “normale”. Ciò renderà più efficiente la riprogettazione dei processi aziendali e la formazione delle risorse. Ad esempio, esaminando i processi della supply chain, le piattaforme di AI hanno osservato che i valori predefiniti, relativi alle date di consegna previste e alle date di pagamento, vengono in genere utilizzati solo nel 4% dei casi. Gli utenti inseriscono quasi sempre i propri valori. Quindi, i sistemi di AI e Machine Learning ci consentiranno di ignorare i valori predefiniti, come li intendiamo oggi, e di agire più rapidamente attraverso la fiducia nei nostri dati. Non saremo più soggetti a regole, impostazioni o presupposti predefiniti.

Rendere l’AI operativa

Nel 2020, modelli specifici per settore renderanno l’AI più facile da usare e distribuire. Nel settore manifatturiero, i sistemi di Intelligenza Artificiale e di apprendimento automatico sfrutteranno processi basati su modelli per aiutare le aziende a gestire meglio le scorte, migliorare le previsioni della domanda, l’efficienza della supply chain, il controllo della qualità e i tempi di consegna. Nel settore sanitario, le organizzazioni sfrutteranno AI e Machine Learning per integrare meglio i dati che sono relegati nei silos delle applicazioni, scambiare informazioni con i partner nel continuum dell’assistenza e utilizzarle meglio per rispondere ai requisiti normativi e di conformità. Inoltre, nel settore retail, le aziende utilizzeranno AI e Machine Learning per prevedere meglio i modelli di domanda e le date di spedizione, in base a regole definite e migliorare i processi di pianificazione a breve e a lungo termine.