business monitoring

Secondo Paessler, più una rete cresce, più è importante averne una visione panoramica tramite un attento monitoraggio IT.

I decisori e gli amministratori IT devono rispondere a una domanda difficile: qual è la soluzione giusta per la mia infrastruttura? Una domanda alla quale non è possibile dare una risposta semplice, perché molti sono i fattori che entrano in gioco. Per prima cosa occorre considerare quali informazioni deve fornire la soluzione di monitoraggio e con quale livello di dettaglio.

I diversi fornitori di soluzioni di monitoraggio adottano due approcci differenti:

Soluzione modulare. Il fornitore offre singole componenti che vengono riunite in una dashboard: in certe aree forniscono informazioni molto dettagliate, il che rende spesso difficile implementare una panoramica completa.

Soluzione all in one. Tutti gli aspetti vengono evidenziati, rendendo possibile una panoramica omogenea dell’intera infrastruttura IT.

Per aiutare a scegliere tra i due diversi approcci, sempre Paessler, che di mestiere è specializzata nel monitoraggio di rete, evidenzia le differenze tra i due e risponde agli interrogativi più importanti.

Funzionalità

PRTG Network Monitor è un tipico esempio di soluzione all in one che riunisce tutte le funzioni necessarie per il monitoraggio di rete, così come PRTG Enterprise Monitor completo di ITOps Board, che offre un modello di licenza più flessibile per i grandi ambienti IT. Con una soluzione all in one non è necessario pagare cifre extra per particolari funzioni aggiuntive, a differenza dei tool di monitoraggio modulari in cui ogni funzione, ad esempio per il monitoraggio dei flussi, delle prestazioni, del server o dei database deve essere pagata a parte.

Tipo di licenza

Gli approcci differiscono anche per quanto riguarda il pagamento della licenza. Molti fornitori di software di monitoraggio chiedono il pagamento di ogni singola funzione e mettere insieme un bundle adeguato è tutt’altro che facile. Quando certe necessità cambiano e l’amministratore sente la necessità di svolgere nuove operazioni è spesso necessario acquistare un nuovo modulo.

Hardware e software

Anche i requisiti hardware e software sono criteri da tenere in considerazione in fase di scelta della soluzione adatta. Le soluzioni modulari spesso richiedono un software aggiuntivo, ad esempio in database server Sql, da affiancare alla soluzione di monitoraggio vera e propria, con un aumento non solo del lavoro di installazione e dei costi di licenza ma anche del lavoro amministrativo. Con PRTG Network Monitor invece tutto quel che serve è un computer o un server su cui installare il prodotto. Non ci sono altri costi nascosti perché PRTG usa un proprio database sviluppato specificamente per l’attività di monitoraggio della rete.

Flessibilità

Se i bisogni o le condizioni di un’azienda mutano, ciò ha effetti anche sul software di monitoraggio. Se è stata scelta una soluzione modulare, potrebbe essere necessario acquistare un nuovo modulo per coprire queste nuove necessità. Le soluzioni all in one, al contrario, sono concepite per poter evitare costi non pianificati.

Semplicità d’uso e di avviamento

Il monitoraggio IT dovrebbe essere intuitivo e semplice da installare e usare. Un’interfaccia amichevole e ben strutturata, inoltre, ne rende particolarmente semplice l’utilizzo. A parte i 30 giorni di prova, PRTG offre una versione gratuita illimitata nel tempo. Questa versione non ha limiti in termini di funzionalità ma tutte le funzioni possono essere utilizzate esattamente come nella versione a pagamento.

In conclusione, non è possibile dare una risposta generale relativamente a quale soluzione usare e quando. I prodotti modulari offrono insight approfonditi sui sistemi e permettono di ottenere informazioni dettagliate e di alto livello su alcune aree, mentre è difficile ottenere una panoramica generale.

Al contrario, le soluzioni all in one forniscono un’ampia panoramica dell’intera infrastruttura IT coprendo così tutte le aree.

Tutte le funzioni di monitoraggio essenziali sono soddisfatte da un’unica applicazione, anziché obbligare all’uso di una moltitudine di tool diversi. Per scegliere la soluzione migliore gli amministratori IT devono valutare tutti i parametri e scegliere l’opzione più adatta alle loro esigenze.